Juventus, Witsel tranquillo: “Più aspetti, più grande è la ricompensa”

juventus-witselJUVENTUS, WITSEL – La sessione estiva di mercato si è conclusa con una beffa per la Juventus, che in ogni caso viene unanimemente considerata come regina della sessione. Dopo aver raggiunto infatti l’accordo con lo Zenit per Axel Witsel (la trattativa era stata impostata sui 20 milioni di euro più bonus), il club russo ha deciso di trattenere il giocatore a San Pietroburgo perché non era stato trovato il sostituto in tempo.

Il centrocampista tanto agognato dunque non è arrivato: per il belga se ne riparlerà dunque a gennaio, o la prossima estate quando potrebbe sbarcare a Torino a parametro zero, visto che il suo contratto è in scadenza proprio a giugno 2017. Il giocatore, almeno a parole su Twitter, sembra l’abbia presa con filosofia e ha così commentato: Più a lungo aspetti, più grande è la ricompensa. La vita va avanti. Riccardo Napolitano, intermediario di mercato e agente per l’Italia del calciatore, intervistato da Radio Kiss Kiss, ha poi aggiunto qualche dettaglio in più sullo stop alla trattativa di ieri: “E’ stato lo Zenit a compromettere la trattativa. All’ultimo minuto i russi hanno alzato il prezzo, anche perchè non riuscivano a trovare il sostituto di Witsel“.

Napolitano poi ha spiegato anche che non solo la Juventus si è interessata al giocatore: “Axel è stato più vicino al Napoli che alla Juventus. Il club azzurro aveva trovato anche l’accordo con lo Zenit, a differenza della Juve, poi le cose non si sono messe per il verso giusto e l’affare è saltato“.