Napoli, intesa lontana per il rinnovo di Insigne

Napoli, giallo InsigneNAPOLI, INTESA LONTANA – Finito il calciomercato, è tempo di discutere di rinnovi, soprattutto a Napoli. Il presidente De Laurentiis ha ricevuto infatti gli agenti dei calciatori nel ritiro di Dimaro e ha parlato con ognuno di loro della situazione legata ai calciatori partenopei. L’intesa non è stata ancora raggiunta con Lorenzo Insigne. Lo ‘scugnizzo’ chiede un aumento dell’ingaggio: attualmente infatti guadagna 1.1 milioni netti fino al 2019, stando a quanto riporta La Gazzetta dello Sport. 

La richiesta dell’adeguamento parte dal fatto che Insigne guadagna molto meno rispetto ai suoi compagni magari meno celebrati. A Dimaro stanno ragionando sul da farsi, perché sanno che Insigne è un pezzo pregiato della rosa e non vogliono privarsene assolutamente, soprattutto dopo la cessione di Higuain alla Juventus. Il più vicino al rinnovo di contratto è Elseid Hysaj: per l’albanese le trattative sono in fase avanzata in quanto il suo agente ne discute con la società già da tempo. Il Napoli ha infatti rifiutato tutte le proposte per il calciatore, così come per Koulibaly: per quest’ultimo il Chelsea aveva addirittura offerto 50 milioni di euro.

Intanto a Napoli ha fatto la sua apparizione il neo acquisto Rog, arrivato dalla Dinamo Zagabria. Queste le sue prime parole, riportate da La Gazzetta dello Sport: “Ho fatto le visite mediche ed ho firmato il contratto, ma non ho fatto nemmeno tre giorni con loro che subito sono dovuto tornare in patria per la convocazione della nazionale. Mister Sarri mi ha accolto subito introducendomi nello spogliatoio. C’è Ivan Strinic che mi sta aiutando con la traduzione dall’italiano al croato. Ho grandi aspettative e spero di impormi con le mie caratteristiche di gioco il prima possibile. Non mi aspetto di giocare subito titolare, ma darò tutto affinché possa cambiare le gerarchie. Non sarà una tragedia per me stare in panchina, sono ancora giovane e devo ancora imparare tanto. Sono in una grande squadra e so benissimo che il mio inserimento va fatto gradatamente senza forzature o pretese”.