Juventus-Siviglia, Allegri in conferenza stampa: “Squadra allestita per arrivare in fondo. Obiettivo primario? Lo Scudetto”

JUVENTUS-SIVIGLIA ALLEGRIJUVENTUS-SIVIGLIA ALLEGRI – Ripartirà domani sera alle ore 20:45 dallo Juventus Stadium il cammino dei bianconeri in Champions League dopo l’eliminazione beffa dello scorso anno per mano del Bayern Monaco agli ottavi di finale. Avversario di turno il Siviglia del neo tecnico, Jorge Sampaoli. A parlare del match di domani e delle ambizioni della propria squadra in questa competizione, ci ha pensato l’allenatore della Juventus, Massimiliano Allegri, nella consueta conferenza stampa della vigilia terminata pochi minuti fa. Eccovi alcune delle dichiarazioni rilasciate dal tecnico bianconero.

Evrà titolare? , partirà titolare domani sera. Gli altri 10? Non li dico, ma ho solo un dubbio a centrocampo che devo risolvere, deciderò domani mattina. Che tipo di partita andrà fatta? Intanto bisogna sapere che la prima partita di Champions è la più importante perché si mettono le basi per il possibile passaggio del turno che ovviamente è il primo obiettivo; inutile dire subito che partiamo per vincere la coppa. Il Siviglia è un club con grande esperienza internazionale e quindi sarà una partita difficile anche perché giocherà in maniera diversa rispetto all’anno scorso. Noi dal canto nostro dovremo avere pazienza ed essere consapevoli che l’obiettivo sono i 3 punti“.

Juve a livello di Barcellona, Real Madrid e Bayern Monaco? Una volta passato il turno a marzo sarà un’altra Champions e bisognerà arrivarci nelle migliori condizioni fisiche e mentali. Anche gli episodi avranno il loro peso. Differenze di organico rispetto alla Juventus che andò in finale 2 stagioni fa? Per me quella Juventus non fu comunque una sorpresa, questa Juventus è una squadra allestita per arrivare in fondo alla Champions. La differenza tra queste due squadre è evidente: domani ci saranno solo 4 giocatori uguali“.

Higuain? Può e deve migliorare come tutti. Ad ogni modo non c’è solo lui nel nostro reparto offensivo, abbiamo anche Dybala, Mandzukic e Pjaca. Ricordiamoci che Mandzukic è un valore aggiunto per noi: grande esperienza ed una Champions già vinta in carrieraQuando si arriva alla Juventus la pressione c’è sempre ma non bisogna mai perdere l’equilibrio. Verranno dei momenti di difficoltà come è normale che sia nel corso della stagione.”

Juve più Europea? Potrò dirlo solo alla fine della Champions: quello che conterà sarà il risultato finale. L’obiettivo primario della stagione resta comunque il campionato perché vincere il sesto scudetto consecutivo ci proietterebbe nella leggenda“.