FIFA: il Mondiale 2026 non si disputerà in Europa. Esclusa anche l’Asia

infantinoFIFA: IL MONDIALE 2026 – Dall’avvento di Gianni Infantino alla presidenza FIFA si respira aria di grande rinnovamento all’interno del massimo organo calcistico mondiale. L’ex segretario generale della UEFA nei giorni scorsi ha espresso l’intenzione di voler allargare il Mondiale di calcio dalle attuali 32 squadre partecipanti a 40 o 48. La proposta verrà valutata nelle prossime settimane.

Intanto il Consiglio della FIFA, riunitosi oggi a Zurigo, ha già stabilito che né Europa né Asia potranno ospitare il Mondiale del 2026. Il motivo è presto detto: le due confederazioni ospiteranno le prossime manifestazioni mondiali (2018 in Russia, 2022 in Qatar). A questo punto a concorrere per l’organizzazione del Mondiale 2026 rimangono Africa, America e Oceania.

Altra novità che potrebbe già essere invece introdotta nel 2018 riguarda la Var (Video assistan referees): questa sorta di moviola in campo potrebbe dunque fare la sua prima apparizione definitiva e ufficiale nel campionato mondiale che si disputerà in Russia. Il presidente Infantino si è già dichiarato favorevole a questa eventualità: la sua spinta sarà dunque decisiva.