Inter, Candreva fissa gli obiettivi: “Qui per vincere. Non potevo dire di no ai nerazzurri.”

INTER CANDREVAINTER CANDREVA – Uno dei principali acquisti della precedente sessione estiva di mercato da parte dell’Inter è stato sicuramente Antonio Candreva: punto di riferimento nello scacchiere tattico prima di Frank De Boer ed ora di Stefano Pioli. È lo stesso esterno offensivo a parlare del proprio trasferimento in maglia nerazzurra ed a fissare alcuni importanti obiettivi personali, ma non solo, in un’intervista rilasciata ai microfoni del Corriere dello Sport. Qui di seguito, vi riportiamo una sintesi delle sue dichiarazioni.

Sull’approdo all’Inter: “Ai nerazzurri non potevo dire di no, sono venuto qui per vincere. È stato un motivo d’orgoglio per me l’essere cercato da un top club mondiale. Credo che questa squadra possa aprire un ciclo, le condizioni per toglierci delle soddisfazioni ci sono tutte. Champions? Sarà difficile raggiungerla ma abbiamo il dovere di provarci“.

Su alcuni retroscena di mercato: “Il mio procuratore mi avvertì riguardo l’interesse del Napoli. Posso dire però che non è vero che sono stato io a rifiutare i partenopei o a chiedere un ingaggio assurdo, se la trattativa non è andata in porto non è stato per colpa mia. Anche l’Atletico Madrid provò ad acquistarmi ma il presidente Lotito ritenne quell’offerta troppo bassa“.

Sul rapporto con Pioli: “Con lui proveremo a risalire la classifica. La questione relativa alla fascia di capitano ai tempi della Lazio è stata ingigantita: lui, in seguito, mi propose di diventare vice-capitano ma io scelsi di no. Ora vogliamo vincere insieme“.

Infine, un pensiero su Lucas Biglia: “Se arrivasse, sarebbe accolto in maniera positiva come è stato fatto con me“.