Milan, Montella suona la carica in vista della Supercoppa: “Dobbiamo giocare la partita della vita. La Juve si può battere”

MILAN MONTELLAMILAN MONTELLA – Cresce di giorno in giorno l’attesa per la finale di Supercoppa Italiana tra Juventus e Milan che si giocherà a Doha il prossimo venerdì a partire dalle ore 17:30. In merito ai tanti temi legati a questa importantissima partita, ha parlato il tecnico del Milan, Vincenzo Montella, in un’intervista concessa ai microfoni di Tuttosport. Tanti gli argomenti affrontati dall’allenatore rossonero del quale riassumiamo le principali dichiarazioni qui di seguito.

Se posso giocarmi questa finale devo ringraziare chi era qui un anno fa: Mihajovic, Brocchi ed i giocatori“.

Venerdì voglio vedere in campo il giusto atteggiamento. Per battere la Juventus essere al 90% non basta, ci vuole il 100% e forse anche qualcosa in più oltre ad un pizzico di fortuna. Dobbiamo fare la partita della vita“.

Sulla formazione titolare che potrebbe scendere in campo: “Ormai credo che le formazioni tipo non esistono più. Bonaventura e Bacca? Il primo è recuperato, il secondo è il nostro bomber. Ad ogni modo non vi dico come, o se, cambierò il Milan per questa partita“.

Sulla Juventus: “È una squadra che tutti vogliono batterla perché vince più di altre. Personalmente non mi sono mai iscritto al partito di quelli che la odiano. È costruita per vincere la Champions e oltre a Higuain ha Dybala che per me è uno dei migliori al mondo. Si può battere? Lo abbiamo già fatto”. 

Infine, un pensiero rivolto alla prossima sessione di mercato: “Il nostro obiettivo è migliorarci. Al futuro non penso, la società è competente“.