Juventus, Chiellini: “Vogliamo il sesto scudetto per diventare leggenda. Fui vicino alla Roma”

JUVENTUS CHIELLINIJUVENTUS CHIELLINI – Colonna portante della difesa della Juventus ormai da più di 10 anni, Giorgio Chiellini si racconta tra passato, presente e futuro in una lunga intervista concessa ai microfoni del Corriere dello Sport. Tra gli argomenti trattati dal centrale bianconero la possibile conquista del sesto scudetto consecutivo, l’interesse passato della Roma nei suoi riguardi e la Nazionale del futuro. Qui di seguito, vi proponiamo una sintesi delle sue dichiarazioni.

Tengo da morire alla possibilità di vincere il sesto scudetto consecutivo perché è un obiettivo che nessuno ha mai raggiunto e ci permetterebbe di entrare nella leggenda di questo sport. Vogliamo riuscire in quest’impresa a tutti i costi“.

Su un retroscena di mercato che riguarda la Roma: “La Roma comprò metà del mio cartellino quando ero a Livorno. Nonostante i giallorossi avessero la campagna acquisti bloccata nel 2004, i due presidenti si accordarono ma la mattina della conferenza stampa il presidente Spinelli mi disse di andare a Milano: all’hotel c’era Baldini della Roma che stava ricoprendo d’insulti il Livorno; così mi portarono nella stanza della Juventus e lì ho capito che il mio futuro sarebbe cambiato“.

Sulle potenzialità della Nazionale: “Rugani, Caldara e Romagnoli sono giovani interessanti per quanto riguarda il mio ruolo, negli altri ruoli penso a Bernardeschi, Berardi, Gagliardini e Belotti. Sarà una Nazionale veramente forte in futuro“.

Infine, rivela una piccola curiosità sul proprio passato: “Avrei dovuto iniziare a giocare a basket da piccolo ma gli allenamenti del miniclub del mio quartiere erano tardi e così ho scelto di giocare a calcio. Il mio futuro? Mi piacerebbe poter fare qualcosa per la Juventus“.