Milan-Fiorentina, Montella: “3 punti che ci lasciano in scia”. Paulo Sousa: “Siamo stati superiori”

MILAN-FIORENTINA MONTELLAMILAN-FIORENTINA MONTELLA – Il posticipo domenicale della 25a Giornata di Serie A tra Milan e Fiorentina termina con la vittoria dei rossoneri di Vincenzo Montella per 2-1. A decidere il match le reti di Kucka e Deulofeu, intervallate dal momentaneo pareggio di Kalinic. Buona nel complesso la prestazione della Viola di Paulo Sousa, rea però di non essere riuscita a concretizzare nel secondo tempo una notevole supremazia territoriale.

Queste le dichiarazioni a caldo rilasciate ai microfoni di Premium Sport da parte del tecnico del Milan, Vincenzo Montella:

“È stata una grande vittoria contro una squadra forte che ci ha fatto soffrire. Abbiamo creato più occasioni e potevamo chiuderla nel primo tempo. Nella ripresa, la Fiorentina ci ha costretto a giocare bassi ma non ricordo un loro tiro in porta. Non siamo riusciti a chiudere la partita neanche nel secondo tempo ma siamo stati bravi a difendere la profondità. 3 punti che ci lasciano in scia per l’Europa. Il cammino è ancora lungo però e ci sarà ancora da lottare. Non so se sia l’ultima partita casalinga di questa dirigenza, in ogni caso sia io che la squadra dedichiamo al presidente Berlusconi questa vittoria. Bacca? A me oggi è piaciuto per come ha interpretato la partita; si è reso molto utile alla squadra”.

Queste invece le parole rilasciate nel dopo gara dall’allenatore della Fiorentina, Paulo Sousa, ai microfoni di Premium Sport:

Europa complicata? Io dico che abbiamo giocato giovedì facendo un grande sforzo eppure siamo arrivati qui cercando di giocare a calcio, spingendo e mettendo il Milan nella loro metà campo nel secondo tempo; abbiamo cercato di pareggiarla e di vincerla. Noi ora dobbiamo pensare partita per partita. Questa sera è mancata una cosa: fare più goal del nostro avversario ma siamo stati superiori. Sono soddisfatto del modo in cui i miei ragazzi hanno giocato; chiaramente non lo sono per il risultato. La sostituzione di Chiesa? Già all’intervallo aveva un risentimento muscolare“.