Napoli-Juventus, Allegri: “Mandzukic out, gioca Neto. Possibili 7-8 cambi di formazione”

NAPOLI-JUVENTUS, ALLEGRI – Napoli-Juventus, round 2: domani va in scena il ritorno delle semifinali di Coppa Italia, con azzurri e bianconeri che si sfidano di nuovo, al ‘San Paolo’, dopo appena 3 giorni dal match di campionato, terminato 1-1. Si ripartirà dal 3-1 in favore dei bianconeri, maturato all’andata, con le reti di Dybala, doppietta, Higuain e Callejon.

Il tecnico della Juventus, Massimiliano Allegri, ha presentato la sfid ain conferenza stampa partendo subito da chi potrebbe non far parte del match. Mandzukic, apparso un po’ fuori forma domenica, è infatti out per un dolore al ginocchio, e difficilmente riuscirà a scendere in campo:

“Valuteremo le sue condizioni ma difficilmente potrà scendere in campo, le sensazioni sono negative. Potrebbe giocare Sturaro al suo posto, ci sono diverse soluzioni. Cuadrado e Dybala invece stanno bene, sono a completa disposizione”.

L’obiettivo è raggiungere la terza finale consecutiva, ma il vantaggio di due reti non rassicura Allegri, che chiede di segnare almeno un gol per complicare i piani al Napoli:

“Vogliamo raggiungerla per la terza volta di fila e cercare di vincerla. Nell’ultimo match di campionato il Napoli ci ha messo in grande difficoltà sotto il punto di vista tecnico, noi dovremo migliorare proprio in questo aspetto e non sbagliare troppo. Più si tiene la palla e meno si difende, noi dovremo fare questo. Con il 2-0 il Napoli passerebbe e per questo dovremo segnare per forza almeno un goal. Mi aspetto un’altra ottima prestazione dei partenopei: in campo ci vanno gli avversari, altrimenti ci sarebbero soltanto delle sagome. Siccome però si fatica anche a segnare contro le sagome, la situazione non è affatto facile da affrontare. Nel calcio si attacca e si difende, a volte capita che la palla ce l’abbiano di più i tuoi avversari. Tra l’altro il Napoli gioca in maniera simile al Barcellona e per questo sarà un incrocio ancor più importante per noi”.

In Coppa il portiere è Neto, anche in un match delicato come quello di domani:

“Sarà lui il nostro portiere, al 100%. Alex Sandro dovrebbe rientrare, anche se valuterò dopo l’allenamento di oggi. Devo gestire le forze perché ci aspetta un periodo in cui dovremo scendere in campo ogni tre giorni. I diffidati non influenzeranno le mie scelte, se qualcuno verrà squalificato salterà la finale se ci andremo, punto. Lo scorso anno non la giocò Bonucci, due anni fa Marchisio: per fortuna ho una rosa importante e chi scende in campo fa sempre il suo dovere”.

Non può mancare un appunto su Higuain, che è stato in balia dei fischi di uno stadio intero e apparso un po’ fuori dal gioco dei bianconeri nell’ultimo match. Allegri però difende il suo campione e annuncia di poter completamente stravolgere la squadra che ha ottenuto un punto domenica:

“Contro il Napoli ha fatto bene, mi aspettavo facesse peggio sinceramente. In quelle poche occasioni che si è visto ha dimostrato di godere di un’ottima condizione fisica e mentale, il che non era affatto facile. Domenica si è comportato in maniera esemplare. Domani potrebbero esserci anche 7-8 cambi, vediamo. Lemina? Si è comportato bene, non posso chiedergli di fare cose che non rientrano nelle sue caratteristiche”.