Milan, rivoluzione tattica imminente: contro l’Atalanta spazio al 3-5-2 con Montolivo dal 1′

MILAN, RIVOLUZIONE TATTICAMILAN, RIVOLUZIONE TATTICA IMMINENTE – Nonostante i soli 5 punti conquistati nelle ultime 5 partite di campionato, il Milan è al momento riuscito a mantenere quel sesto posto che garantisce l’accesso ai preliminari della prossima edizione dell’Europa League. I rossoneri di Vincenzo Montella non stanno certo brillando per condizione fisica e gioco, dunque per l’importantissimo match di campionato di domani sera in casa dell’Atalanta, il tecnico sarebbe orientato ad un sorprendente cambio di modulo: dal 4-3-3 al 3-5-2.

Non è un mistero che l’ex presidente del Milan, Silvio Berlusconi, non sia mai stato un sostenitore della difesa a 3 e non è un caso che l’ultimo allenatore vincente che ebbe il coraggio di adottare tale sistema difensivo fu Alberto Zaccheroni divenuto campione d’Italia con i rossoneri nel lontano 1999.

Con il cambio di proprietà decade dunque ufficialmente questa sorta di diktat che probabilmente ha condizionato numerosi allenatori della storia recente rossonera; tra questi anche Vincenzo Montella che però è pronto a cambiare modulo quando mancano solo 3 giornate al termine della stagione.

Stando infatti a quanto si può leggere stamane tra le pagine della Gazzetta dello Sport, il Milan che giocherà domani sera sul campo dell’Atalanta dovrebbe scendere in campo con il 3-5-2.

Nessun dubbio sull’impiego di Donnarumma tra i pali; centrali Zapata, Gustavo Gomez e uno tra Romagnoli e De Sciglio; a centrocampo, Montolivo torna in cabina di regia protetto dalle mezzali Pasalic e Kucka; sulle corsie esterne i soliti Suso e Deulofeu mentre davanti spazio al tandem Bacca-Lapadula.