Chelsea, Diego Costa si infuria: “Trattato come un criminale, voglio l’Atletico Madrid”

calciomercato milan tempo reale 02 agostoCHELSEA, DEIGO COSTA SI INFURIA – Scoppia la grana Diego Costa in casa Chelsea. L’attaccante brasiliano naturalizzato spagnolo è stato messo ai margini da Antonio Conte, dopo che i rapporti tra i due si sono incrinati a tal punto che l’allenatore ha deciso di non farlo più scendere in campo. L’attaccante ha voluto così riservare al Daily Mail tutta la propria frustazione per questo periodo così difficile.

L’ATTACCANTE NON CI STA

Diego Costa ha chiesto di essere ceduto all’Atletico Madrid, ma finora è tutto fermo:Non volevo andarmene, ero felice al Chelsea. Ma quando l’allenatore non ti vuole devi solo andare via. Sto aspettando la liberazione da parte del Chelsea. Voglio andare all’Atletico Madrid. La mia idea è quella di andare a Madrid, rimettermi in forma ed essere pronto per il Mondiale“. Per lui Londra è diventata un calvario: “Non vogliono che mi alleni con la prima squadra, che abbia contatti con i miei ex compagni di squadra. Sono disposto anche a restare fermo un anno in Brasile con il Chelsea che mi multa senza pagarmi lo stipendio”.

“CONTE? LE COSE BIGNOREBBE DIRLE IN FACCIA…”

L’attaccante non nasconde tutta la propria amarezza e accusa il club:Non sono un criminale, non è giusto quello che stanno facendo. Mi multano ogni settimana, ma a me non interessano solamente i soldi. Potevo andare in Cina ed invece voglio andare solo all’Atletico, dove guadagnerò di meno. Perchè non mi vogliono lasciare andare?“. La chiusura è poi dedicata ad Antonio Conte, con il quale la frattura è ormai insanabile: Bisognerebbe dire le cose in faccia e non via sms. Ho ricevuto quel messaggio mentre ero solo in stanza ed ero in ritiro con la nazionale spagnola. Quando l’ho fatto leggere ai miei compagni non ci volevano credere. Parliamo di un grande allenatore, ma non posso non contestare il tipo di persona che è quando parliamo di atteggiamenti del genere“.