Del Piero: “Juve la favorita. Dybala ha tutto per la 10. Ecco la rivelazione del campionato”.

Del Piero DEL PIERO: “JUVE LA FAVORITA. DYBALA HA TUTTO PER LA 10” – Parola all’esperto. Un Alessandro Del Piero a 360 gradi quello intervistato dal Corriere della Sera. L’ex bianconero fa la panoramica della stagione che sta per iniziare, con uno sguardo ai prossimi Mondiali e le spese folli del Paris Saint Germain. Del Piero ne ha per tutti.

JUVE: QUESTIONE DI MOTIVAZIONI

“Juve in crisi? No. La Juve resta la favorita, fidatevi. Perché negli ultimi anni la distanza dalle avversarie è stata così ampia che le prime difficoltà stagionali, come la sconfitta in Supercoppa, non devono portare a conclusioni affrettate. Ricordate l’inizio disastroso di due stagioni fa? Alla fine la qualità della squadra venne fuori. Il punto però non è tanto nel valore assoluto, ma nelle motivazioni. Non è facile ripartire dopo sei scudetti di fila, e nemmeno dopo la botta di Cardiff, che fa ancora male”.

L’ADDIO DI BONUCCI

“Leo è un grande giocatore. La Juve ha fatto crescere lui, lui ha fatto crescere la Juve. Non mi sarei mai aspettato che se ne andasse. Mi ha sorpreso molto, lo ammetto. Non sarà facile sostituirlo, però la storia del club dimostra che la perdita di un elemento, fosse anche il migliore, non basta a indebolire la struttura se le fondamenta sono solide.

L’ANNO DEL NAPOLI?

“Mai come quest’anno ha le carte in regola per vincere. È stato molto intelligente sul mercato, ha puntato a consolidare un gruppo straordinario, che è cresciuto tantissimo con gli insegnamenti di un ottimo allenatore. Se come spero si qualificherà per la Champions League credo che arriverà anche un ulteriore rinforzo sul mercato. Il Napoli sarà la vera avversaria della Juventus, vedrete”.

IL NUOVO MILAN

“Secondo me ha cambiato tanto perché c’era da cambiare tanto. Vero, comprare e cambiare così tanto è un azzardo, ma hanno calcolato che era importante urlare forte a tutti: ci siamo, stiamo tornando, facciamo sul serio”.

INTER: SPALLETTI L’UOMO IN PIU

“Al netto di acquisti e cessioni, Spalletti è l’uomo della svolta. Perché è un allenatore capace di fare la differenza e perché la squadra, ne sono convinto, è meglio di quanto abbia dimostrato la passata stagione”.

LA SQUADRA RIVELAZIONE

“Il Toro di Mihajlovic. E se parliamo di alta classifica, anzi altissima, penso che la Lazio potrebbe fare ancora meglio dell’anno scorso. L’Atalanta sarà una conferma, anche in Europa”.

IN OTTICA MONDIALE

“La situazione del movimento è già migliorata e, se saremo tutti bravi a sostenere questa crescita, il futuro sarà molto più azzurro di quanto molti si immaginano. Ci sono i giovani, c’è la mentalità giusta, ci sono le condizioni per farli giocare, se lo meritano e non solo perché sono giovani. Dobbiamo essere pazienti ma anche molto esigenti, soprattutto nei comportamenti”.

DYBALA COME DEL PIERO

“Ha tutto per indossare il numero 10 alla Juve, intendo non solo le doti tecniche, ma anche quelle morali, la personalità”

LA VAR

“Sono totalmente favorevole, a patto che non si cominci a inquinare anche la tecnologia con i sospetti. Come ho avuto modo di apprezzare negli sport americani, può aiutare davvero solo se le regole sono chiare e condivise: quando la si usa, quando non la si può usare, perché. Altrimenti si portano le polemiche da moviola dal post partita fin dentro ai 90 minuti di gioco”.

I 222 MILIONI PER NEYMAR

“Fosse stato un giocatore Nba, ci saremmo stupiti meno. Il problema è che le regole non sono le stesse dello sport americano”.