Barcellona, Coutinho era impossibile: “Il Liverpool chiedeva 200 milioni”

BARCELLONA, COUTINHO ERA IMPOSSIBILE – La sessione di calciomercato appena terminata è stata sicuramente caratterizzata dalla cessione ultra-milionaria di Neymar al Paris Saint-Germain. Un colpo, da 222 milioni di euro, che ha costretto il Barcellona a dover rincorrere sul mercato i possibili sostituti del brasiliano. Individuati subito in Dembélé del Borussia e Coutinho del Liverpool, i blaugrana sono riusciti a chiudere solo per il francese, ricevendo invece un secco ‘no’ dai ‘Reds’ per il brasiliano.

“CHIEDEVANO 200 MILIONI”

Eppure il Barcellona ci ha provato in tutti i modi a convincere il Liverpool a lasciar partire il giovane trequartista brasiliano. A distanza di poche ore dalla chiusura del mercato spagnolo, però, i dirigenti blaugrana Alberto Soler e Roberto Fernandez, hanno spiegato il perchè la trattativa non sia andata a buon fine. Tutta colpa delle richieste troppo elevate del club inglese:

“Dopo settimane di negoziati ieri il Liverpool ci ha chiesto 200 milioni per Coutinho, non potevamo mettere a rischio il club. Ringraziamo il giocatore che ha fatto una grande sforzo e ha dimostrato di volere venire da noi, ma non c’era modo di fare diversamente”. 

“NEYMAR NON CI HA AIUTATO”

A complicare i piani del Barcellona è stata proprio la cessione di Neymar. La cessione del brasiliano per 222 milioni di euro ha fatto aumentare le richieste dei club venditori, come si pensava.

“Il fatto che il PSG abbia pagato 222 milioni per Neymar ha permesso a tutti di sapere quanti soldi avesse il club e quando vai sul mercato le richieste diventano esorbitanti”.

Insomma, a Barcellona si sono dovuti ‘accontentare’ di un solo arrivo. Basterà Dembélé a far dimenticare Neymar?