Italia-Israele, Ventura mischia le carte: “Il modulo può cambiare”

italia-israele, venturaITALIA-ISRAELE, VENTURA SUL MODULO- Due giorni dopo la bruciante e pesante sconfitta contro la Spagna al Bernabeu, l’Italia del CT Ventura ha subito la chance per rialzarsi. Domani sera c’è da rimboccarsi le maniche a Reggio Emilia contro Israele e rimettersi in carreggiata verso il Mondiale di Russia 2018. Molte critiche sono piovute sulle scelte di Ventura, soprattutto per quanto riguarda il modulo “spregiudicato” con 4 giocatori offensivi. L’ex tecnico del Torino, nella classica conferenza stampa di vigilia, ha parlato anche del sistema di gioco.

ITALIA-ISRAELE, VENTURA MISCHIA LE CARTE

Le critiche fanno parte del gioco e di questo mestiere – afferma Ventura – noi allenatori dobbiamo accettare quelle costruttive. Ho il dovere di fare delle scelte di volta in volta, anche in base all’avversario che andiamo ad affrontare. Non mi fisso su un modulo, si parla di modulo solo perchè c’è stata una sconfitta. Abbiamo cambiato spesso e potremmo giocare in maniera diversa“.

ITALIA-ISRAELE, VENTURA E IL PROGETTO

Il commissario tecnico appare comunque tranquillo e va dritto per la sua strada: “Abbiamo iniziato un percorso con questo gruppo di calciatori, un percorso che prevede una crescita e la valutazione di alcune situazioni. La partita con la Spagna non ha cambiato nulla, se non la classifica. La Spagna è soltanto una tappa di un cammino all’interno di un progetto“.