Manchester United, Lukaku vittima di cori ‘hot’ da parte dei propri supporters: accusati di razzismo

manchester united, lukakuMANCHESTER UNITED, LUKAKU VITTIMA DI CORI ‘HOT’- Nella notte del 13 settembre all’Old Trafford, durante la gara di Champions League tra Manchester United e Basilea, è accaduto un fatto curioso. Uno dei protagonisti del match, autore della rete del secondo gol dei tra rifilati agli svizzeri, è stato ‘vittima’ di cori un pò insoliti. Romelu Lukaku, passato allo United questa estate per la bellezza di 85 milioni di euro versati all’Everton, è stato epitetato in modo poco elegante da parte dei propri tifosi.

LUKAKU, ANIMI CALDI

I supportes dei Red Devils avevano celebrato con un coro le ‘misure’ dell’organo genitale dell’attaccante belga, probabilmente in modo scherzoso e goliardico. Ora però l’associazione britannica contro le discriminazioni ‘Kick It Out’ vuole vederci più chiaro e ha giudicato i cori “offensivi e discriminatori, con stereotipi razzisti“.

IL CASO

Il Manchester United ha dato la massima disponibilità ad indagare sul caso, cercando di capire se i cori abbiano veramente una matrice di tipo razzista. Sui social e attraverso alcuni blog è già partita una campagna di sensibilizzazione verso i tifosi di Manchester. Nel mondo del calcio i cori, così come il tifo, sono una parte integrante; alcune cose, secondo il sottoscritto, andrebbero prese con leggerezza e magari concentrarsi maggiormente sulle questioni che possano davvero mettere a repentaglio la dignità umana.