Sampdoria-Milan 2-0, Giampaolo: “Grande prova di maturità”. Montella: “Tutti bocciati”

SAMPDORIA-MILAN 2-0, GIAMPAOLO – La Sampdoria ha conquistato una bella e meritata vittoria per 2-0 contro il Milan: a decidere le reti di Duvan Zapata e Ricky Alvarez. Nel post partita un raggiante Marco Giampaolo commenta la vittoria dei suoi, mentre Vincenzo Montella esterna tutta la propria delusione.

LE PAROLE DI GIAMPAOLO

Giampaolo, intervenuto in conferenza stampa, commenta così, nelle parole riportate da TuttoMercatoweb.com: “La squadra ha avuto forse nella continuità della partita il suo valore aggiunto. E’ forse la miglior partita da quando sono qui per continuità di gioco e di intensità, per la capacità di far pensar poco l’avversario. Le vittorie aiutano perché credi più in te stesso. Quando perdi sempre non cresci perché hai un basso livello di autostima. E’ un circolo che ti porta a pensare negativamente. Quando vinci cresci sempre”. L’innesto di Zapata consente ai blucerchiati di avere più possibilità in zona d’attacco: “Ci dà soluzioni diverse. Qualche volta puoi anche alzare la palla, qualche volta lo puoi sfruttare palla addosso e profondità. Ci dà centimetri sulle palle inattive, respiri una pericolosità diversa. Infatti non ho detto che siamo migliori o peggiori rispetto all’anno scorso. Siamo diversi”.

LE PAROLE DI MONTELLA

Di tenore assolutamente diverso le parole di Vincenzo Montella in conferenza stampa. Il tecnico rossonero non cerca alibi dopo la brutta sconfitta: “La Samp è stata superiore, ha meritato la vittoria – le sue parole riportate da TuttoMercatoweb – Siamo stati insufficienti sul piano nervoso e tecnico. Dobbiamo capire perché ciò è capitato. Un motivo può essere una squadra giovane e questo ti porta ad avere alti e bassi. Dobbiamo accelerare e avere la continuità giusta per raggiungere i nostri obiettivi. Andiamo avanti con il lavoro”. Montella continua: “Credo che sia stato evidente un calo di energie mentali. Ora bisogna capire perché sia avvenuto. Per alcuni è un discorso mentale, per altri un discorso di abitudini. Dobbiamo accelerare il nostro processo di crescita perché abbiamo obiettivi importanti. Ero convinto che il nostro inizio fosse stato difficoltoso”.