Milan, Mirabelli: “Bonucci non è stato pianificato. Conte? Abbiamo Montella. Su Cristiano Ronaldo…”

milan, mirabelli: "Aubameyang è nel mio destino" MILAN, MIRABELLI: “BONUCCI NON È STATO PIANIFICATO” – Quando parla, il direttore sportivo del Milan Massimiliano Mirabelli non è mai banale. Ai microfoni di Radio Rossonera l’ex osservatore dell’Inter tocca diversi temi, legati alla passata estate rossonera. Un’estate rivoluzionaria: “E’ stato un mercato difficile. Ne abbiamo presi tanti, abbiamo trovato la disponibilità di molti giocatori a voler venire al Milan”.

IL COLPO BONUCCI

Il Milan ha cambiato 11 giocatori, nella consapevolezza dell’inadeguatezza della rosa della passata stagione. Nonostante non sia arrivato il top player in attacco, la difesa si è rinforzata con l’arrivo di Leonardo Bonucci. “Non era pianificato” – dichiara Mirabelli. “Non avrei mai immaginato che si privassero di un giocatore così importante. Poi quando mi trovavo con Lucci (il suo agente) per parlare di Bertolacci, più volte mi faceva battute su Bonucci, Poi ho parlato direttamente con Leo per verificare la cosa e ho visto che aveva una grandissima voglia e c’erano i presupposti per portarlo a Milano, ne parlai con Fassone e l’abbiamo preso”.

L’ESTATE DI DONNARUMMA E RAIOLA

Ma l’estate rossonera non è stata solo fiori e cose formali. C’è stato da lottare, soffrire ed ingoiare bocconi amari. Tra i quali la vicenda Donnarumma e il rapporto con Mino Raiola. “Quando l’agente disse che Donnarumma non avrebbe rinnovato, eravamo sconfortati ma abbiamo lottato e siamo riusciti a portare avanti e trovare l’accordo. Gigio non ha mai detto di voler andare via. È stata una delle operazioni più difficili”.

PORTE CHIUSE A CONTE. BELOTTI? MAGARI

In merito alla posizione di Vincenzo Montella la dirigenza è sempre stata chiara. La fiducia nell’operato del tecnico campano è totale e non vengono prese in considerazione alternative: “Conte? Noi abbiamo un allenatore di cui abbiamo grande stima, non pensiamo ad altri allenatori”. Uno dei sogni estivi del Milan è stato Andrea Belotti, trattativa che non si è chiusa per le richieste troppo elevate del Torino. “Belotti? E’ risaputo, abbiamo cercato di portarlo a Milano, è stata una cosa abbastanza difficile per diversi motivi, ma è un giocatore forte ed è un tifoso milanista e chi lo sa, magari un giorno potrà indossare la maglia che sogna da bambino”.

IL SOGNO CRISTIANO RONALDO

Il Milan continua a coltivare in gran segreto il sogno Cristiano Ronaldo, ma Mirabelli frena gli animi: “Noi dobbiamo restare con i piedi per terra, è vero che c’è la voglia da parte di tanti giocatori di venire a giocare a Milano e nel Milan però pur avendo parlato di tanto… dobbiamo rimanere con i piedi per terra. Ronaldo comunque è come un’azienda, ma è il top, sempre il primo all’allenamento, ha sempre voglia di fare bene, l’abbiamo visto all’Europeo con quanta voglia ha trascinato la sua nazionale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *