Milan, Bonucci attacca il suo mental coach: “Mi dissocio”

BonucciBONUCCI – “Mi dissocio completamente da quanto è stato detto oggi da Alberto Ferrarini, che non corrisponde al mio pensiero”. Con un tweet apparso in serata sul proprio account, Bonucci ha preso le distanze, e in maniera fragorosa, dal suo celebre mental coach Alberto Ferrarini.

COSA AVEVA DETTO FERRARINI

In giornata lo stesso Ferrarini, alla trasmissione Tutti Convocati di Radio 24, aveva rilasciato dichiarazioni che avevano sollevato dubbi sul livello attuale di Bonucci e sugli ultimi mesi in bianconero. “Quando è stato capitano alla Juventus non ha avuto delle grandi prestazioni”. “Io ho definito Leonardo Bonucci come un soldato. Per me è sempre stato il ‘soldato’ in primis di Antonio Conte. Poi è stato un soldato comunque della Juventus. Un soldato, un uomo della triade in questo caso di Buffon, Barzagli e Chiellini”.

LA RINASCITA

“Leonardo è un giocatore che fondamentalmente, a differenza magari di altri, non è nato campione: è diventato un campione. Secondo me l’espulsione di ieri è un grande game over, come dire, la prima parentesi con il Milan, e adesso logicamente c’è la rinascita”. “Io penso che ci sarà una grande soddisfazione, lui ha una grande voglia di rivalsa. Abbiamo già deciso cosa dobbiamo fare, io sono felice, lui lo è più di me, e andiamo avanti cercando semplicemente di fare quello che abbiamo fatto: migliorarsi sempre di un millimetro e questo è il nostro obiettivo”.