Juventus, Benatia: “Quattro squadre per lo scudetto, ma saremo davanti”

BenatiaBENATIA – “Saremo in tre, quattro squadre a giocarci lo scudetto, ma sono convinto che a marzo o aprile, quando arriveranno le partite che contano, la Juve sarà davanti”. Lo dice il difensore bianconero Medhi Benatia parlando della lotta per il titolo in Serie A ai microfoni di Juventus Tv.

LE AVVERSARIE

“Le altre avversarie? Il Napoli sarà con noi fino alla fine, ma ho visto bene anche la Roma che credo abbia qualcosa in più rispetto all’Inter che è comunque una squadra solida”, aggiunge il marocchino, che parlando della ritrovata solidità difensiva della squadra sottolinea che “bisogna continuare così, perché se non si subiscono gol aumenta la fiducia e quando siamo sullo 0-0, con i giocatori che abbiamo davanti possiamo segnare da un momento all’altro”. Nell’ultimo big match contro la Roma, Benatia si è anche improvvisato goleador. “Ero al posto giusto, nel momento giusto”, evidenzia il bianconero.

BENATIA MEZZAPUNTA

“Se non si entra in area con la voglia di buttarla dentro, non si segna. Io non ho le capacità di un attaccante per segnare, ma a volte ci riesco proprio perché ho questa ‘cattiveria’ in più. L’ho già detto al mister, se ha bisogno di una mezza punta posso girare intorno al Pipita…Ma l’idea non gli piace”, scherza Benatia, che poi mette in guardia la Juve dai rischi della prossima trasferta a Verona. “Giocare contro chi lotta per la salvezza è sempre dura e contro la Juve tutti danno il massimo. A Verona dovremo sudare, correre e trovare le giuste motivazioni. Quando si gioca contro Napoli, Inter o Roma quasi non c’è bisogno dell’allenatore, perché siamo tutti concentratissimi, ma questo deve accadere anche nelle altre partite”.