Milan ai quarti solo dopo i supplementari. Finisce 2 a 1 contro il Novara

 

 

Il Milan soffre e vince, come avvenuto qualche anno fa sempre contro il Novara, solamente dopo i tempi supplementari grazie ad una rete di Pato che poi si infortunerà uscendo dal campo. In precedenza El Shaarawy aveva segnato il vantaggio con Radovanovic che, praticamente a fine incontro e con la complicità di Amelia, riusciva a ristabilire il punteggio. Nei quarti di finale la squadra di Allegri affronterà la Lazio. Due le novità principali nel Milan, sono Merkel e Inzaghi. Il kazako-tedesco torna a vestire la casacca rossonera dopo i sei mesi genoani. Giocherà a centrocampo al posto di Seedorf, febbricitante ed assieme a Nocerino e Ambrosini. Il centravanti invece partirà per la prima volta dall’inizio di una gara in questa stagione. In porta giocherà Amelia. In tribuna presente l’ultimo arrivato Mesbah. Il Novara con un nuovo centrocampo formato da Pesce, Marianini e Radovanovic. Morimoto in attacco assieme a Granoche. Milan che parte subito all’attacco con gli ospiti comunque che non stanno a guardare. Inzaghi si fa vedere all’8’ su imbucata di El Shaarawy ma la conclusione è debole. Piemontesi molto chiusi dietro, difficile per i locali passare. Super Pippo è troppo isolato in avanti. Ambrosini lo cerca in area di rigore ma l’attaccante viene anticipato dalla pronta uscita di Fontana. Squillo ospite al 18’ con una conclusione dalla distanza di Pesce che Amelia, distendendosi, devia in calcio d’angolo. La partita si sblocca sei minuti dopo per merito di El Shaarawy. Il ‘faraone’ colpisce il pallone con il destro mandandolo alla sinistra di Fontana. Bella conclusione, Milan avanti, 1 a 0. La risposta del Novara arriva subito per merito di Granoche che si viene a trovare a tu per tu con Amelia ma il portiere riesce a deviargli la conclusione. Ancora bravo il portiere rossonero a parare un colpo di testa di Marianini. La squadra di Tesser non vuole abbassare la guardia cercando di recuperare subito il risultato. Piacevole ora la sfida con il Novara che non si chiude ma cerca di giocare aperto. Il Milan allora prova a rallentare il ritmo della sfida per non correre rischi. El Shaarawy è strepitoso al 37’ quando trova una magia impegnando severamente Fontana. Non succede più nulla nel primo tempo che si chiude ancora con il Novara avanti seppur senza creare pericoli ad Amelia.

Ripresa che inizia senza cambi nelle due formazioni. Morimoto in area di rigore viene anticipato in tackle da Nesta. Milan che cerca il possesso palla più che l’affondo verso l’area avversaria. El Shaarawy propone un bel cross per Merkel che appoggia ad Inzaghi il quale però viene anticipato da Fontana. Arriva quindi il primo cambio della gara: nel Novara dentro Jensen e fuori Marianini. Poco dopo finisce la gara di Inzaghi tra i rossoneri ed Allegri manda dentro Pato. Al quarto d’ora Emanuelson calcia da fuori ma la mira è sbagliata e la palla finisce a fondo campo. Scambio Pato-El Shaarawy con intervento di Paci che anticipa il faraone. Tesser quindi manda dentro Rubino per Morimoto ma ad attaccare in questa fase di gara è soprattutto la squadra di casa come al 23’ quando Pato lancia Emanuelson che tira centralmente trovando Fontana pronto alla parata. Novara che non riesce più a portarsi in avanti con una certa pericolosità. Tesser appena oltre la mezzora prova a dare la scossa ai suoi inserendo Jeda per Centurioni mentre Allegri risponde con Robinho per Emanuelson. Il Milan a questo punto decide di tenere palla, facendola girare, senza forzare i ritmi. Poco può fare il Novara. Al 40′ bella azione che si snoda tra El Shaarawy, Pato e Robinho con conclusione però sballata di quest’ultimo. Un attimo dopo arriva il primo giallo della gara. E’ per Rubino per gioco scorretto. Punizione di Pato con sfera sopra la traversa. La gara sembrerebbe oramai decisa ma al 43′ il Novara pareggia in quella che probabilmente è l’unica azione pericolosa della ripresa per gli ospiti. Il gol è di Radovanovic su punizione con Amelia clamorosamente sorpreso. Fa 1 a 1 e supplementari vicini. Quattro i minuti di recupero nei quali non avviene nulla di importante e quindi le due squadre vanno ai tempi supplementari.

Si riparte per la mezzora finale praticamente subito con Abate che sostituisce Antonini. Inizio fatto solo di cartellini gialli. Se li prendono Robinho, Radovanovic (entrambi per comportamento non regolamentare) e Nocerino per gioco scorretto. In mezzo una conclusione di Robinho deviata in angolo dalla difesa ospite. Novara sulla difensiva, Milan nuovamente in pressing. Secondo tentativo di Robinho ed ancora palla toccata che finisce oltre la linea di fondo campo. Fontana si supera al 9′ per deviare un tiro ravvicinato di Pato. Quindi il brasiliano si prende i fischi di San Siro per l’ennesima punizione calciata alle stelle. Ma al 10′ Pato si fa perdonare realizzando la rete del vantaggio. Il giocatore sfrutta alla perfezione un’imbeccata in area di Robinho e supera Fontana con un pallonetto. Due minuti dopo Robinho colpisce il palo dopo un gran stop. Si becca il giallo pure Merkel per gioco scorretto. Allo scadere del primo tempo supplementare ci riprova Radovanovic su punizione ma questa volta Amelia è attento e blocca la sfera. Subito il via al secondo supplementare dopo il cambio di campo. Milan che controlla la gara con il Novara che non riesce a rendersi pericoloso. I crampi cominciano ad attanagliare i giocatori in campo. All’8′ Pato ha sul sinistro la palla del 3 a 1 ma alza la mira mandandola sopra la traversa. Ammoniti quindi Morganella prima e Garcia subito dopo entrambi per gioco scorretto. Pato si fa male e lascia il campo: Milan in dieci per gli ultimi quattro minuti di gara. Il Novara prova a sorprendere il Milan che però si difende bene contrattaccando soprattutto con Robinho abile a tenere distante dalla propria area di rigore la palla e conquistando così l’accesso ai quarti di finale.