Cavani trascina il Napoli in semifinale con una bella doppietta. Inter ko

Il Napoli ringrazia Cavani (doppietta) e si qualifica per la semifinale di Tim Cup dove affronterà la sorpresa Siena. Inter troppo rinunciataria che ha pagato un errore di Thiago Motta in fase di disimpegno. Ranieri ed i suoi però contestano l’arbitro per un mancato rigore non decretato per un fallo su Milito. Zuniga e Lavezzi dal primo minuto nel Napoli di Mazzarri mentre l’Inter schiera Sneijder alle spalle di Milito. A centrocampo Thiago Motta che potrebbe anche giocare l’ultima gara con la maglia nerazzurra prima di trasferirsi a Parigi. Il Napoli parte con il possesso prolungato della sfera ma non affonda troppo. Maicon fa buona guardia su Zuniga sventando una possibile minaccia. I partenopei puntano sul cercare di non far ragionare i centrocampisti avversari. Mancano però le iniziative verso le due porte. Al 12’ buona iniziativa di Lavezzi che manda un bel pallone al centro per Hamsik ma la difesa ospite sventa la minaccia. Tre minuti dopo arriva la prima palla gol della sfida. Gargano lancia Maggio che beffa Chivu e calcia ma Castellazzi si tuffa mandando il pallone in angolo. L’Inter non punge troppo. Ci prova Sneijder dalla distanza ma il tiro risulta innocuo per De Sanctis. Il Napoli insiste e Gargano su punizione spedisce la palla fuori di un soffio. Sull’altro fronte inzuccata di Samuel che non crea alcun problema al numero uno di casa. Quindi giunge il primo giallo della sfida: è per Chivu autore di un intervento falloso. Difesa di Ranieri molto bloccata con Ranocchia che fa buona guardia su Cavani. Non ci sono però molte emozioni. Viene quindi sanzionato Sneijder per comportamento non regolamentare. Non accade più nulla ed il primo tempo si chiude con un logico 0 a 0. Napoli che tiene più palla ma non punge, Inter forte difensivamente anche se talvolta un po’ nervosa soprattutto con Sneijder.

Ripresa che parte con l’ingresso di Alvarez al posto di Obi. Subito un piccolo rischio per la difesa di casa con Sneijder che batte un angolo facendo attraversare alla palla tutta l’area napoletana senza trovare qualche compagno pronto alla deviazione. Al 4’ Thiago Motta perde una brutta palla su Casavi e commette fallo in area. E’ rigore che lo stesso attaccante uruguaiano trasforma per il vantaggio del Napoli. Azione da moviola nell’area partenopea: Milito viene atterrato da Maggio ma l’arbitro lascia correre ed ammonisce l’argentino per proteste. Ma il rigore appariva netto. Inter infuriata giustamente. Cartellino giallo quindi per Maggio per gioco scorretto. Gara che si sta un pochino innervosendo. Sneijder cerca e trova la porta al quarto d’ora su punizione ma De Sanctis devia da par suo. L’olandese ci prova nuovamente poco dopo ma questa volta la sfera sfila a fondo campo. Cavani sempre pericoloso in attacco viene frenato da Zanetti prima di arrivare di fronte a Castellazzi. Incontro che, dopo il gol, finalmente si è sbloccato. Al 20’ Mazzarri richiama Lavezzi per mandare dentro l’ex Pandev. Tre minuti dopo Alvarez riceve palla da Sneijder ma, spintonato da Zuniga, calcia debolmente permettendo a De Sanctis di bloccare la sfera. Sul fronte opposto avanzano in tre, Gargano, Cavani e Pandev, con quest’ultima che cerca il gran gol col sinistro senza riuscirvi. Al 32’ Ranieri si gioca la carta Zarate togliendo Thiago Motta. Si salva quindi Castellazzi quando gli si presenta tutto solo davanti a se Gargano. Cambio tra i locali: dentro Dzemaili e fuori Inler. Inter che adesso va all’assalto del fortino napoletano per cercare il pareggio che porterebbe le due squadre ai supplementari. Ammonito Gargano per gioco scorretto. Decisivo De Sanctis su Zarate al 41′ dopo una bella iniziativa di Maicon quindi  terzo cambio in casa Napoli con Dossena che sostituisce Marek Hamsik. Ma i locali non stanno solo a guardare e con Dzemaili impegnano dalla distanza Castellazzi. L’Inter chiude nei tre minuti di recupero all’arma bianca ma subisce il raddoppio in contropiede ancora di Cavani che decreta il 2 a 0 finale: ora il San Paolo può realmente esultare.