Caprari illude il Pescara ribaltato da Granoche: sconfitta 2-1 a Varese

Notte infernale per il Pescara. Non c’è titolo migliore per una sconfitta arrivata nel segno del Diablo Granoche. Gli uomini di Zeman sono ospiti del Varese al Franco Ossola di Masnago, dove escono sconfitti per due a uno. Partita decisa dagli errori: un rinvio maldestro rischia di costar caro ai padroni di casa, Immobile raccoglie ma colpisce il palo esterno. Al 23′ il contropiede perfetto dei delfini decide il vantaggio: palla a Caprari e primo gol con gli abruzzesi per il giovane attaccante scuola Roma. Passano cinque minuti e Verratti salva sulla linea un tiro dell’ottimo Kurtic ad Anania battuto. In poco meno di dieci minuti arriva il pari: Filipe lancia in area per Granoche, il Diablo si gira e fredda il portiere avversario. Si va negli spogliatoi sull’uno a uno. Proprio l’uruguagio si divora il sorpasso a inizio ripresa ma si fa perdonare al 57′: rilancio sbagliato dal difensore Capuano, palla per l’attaccante che non sbaglia. Risposta immediata per il Pescara con Insigne che centra da posizione non proibitiva un palo clamoroso. Granoche ha tempo anche per sfiorare la tripletta ma la sua conclusione è deviata in angolo da Bocchetti. Negli ultimi dieci minuti Anania si deve superare in due occasioni sul giovane De Luca, subentrato al 66′ a Neto Pereira. Ottima vittoria per il Varese che tiene alla larga la Sampdoria che attenta a quel posto playoff; il contrario c’è da dir degli abbruzzesi che, a secco di punti nelle ultime tre, stanno perdendo contatto con la testa della graduatoria e rischiano di precipitare.