Sau show, il Menti in piedi per il suo campione: Juve Stabia batte Padova 2-0

L’ha presa per mano e la sta conducendo per una salvezza senza preoccupazioni, con addirittura un pensierino al sogno playoff. E’ Marco Sau, che con una doppietta e con l’ennesima prova della sua classe eccelsa trascina la Juve Stabia alla vittoria del posticipo contro un Padova generoso. Sotto la pioggia del Menti è grande partita. Sin da subito Sau ingaggia un duello personale con il giovane portiere Perin, ma la prima occasione capita a Zito, che davanti all’estremo difensore avversario spara a lato. Ci prova anche Sau, ma trova una nuova respinta. Nell’ultimo quarto d’ora di primo tempo Cutolo e Lazarevic ingaggiano un duello personale con il portiere avversario Seculin, ma nei numeri quest’ultimo ha la meglio, deviando i tiri avversari. Dopo l’intervallo i veneti rischiano di passare in vantaggio con un’autorete sfiorata. Da applausi Cutolo e Seculin al 75′: serpentina in area dell’attaccante partenopeo, pallonetto dal vertice dell’area, ma il numero uno di proprietà della Fiorentina con un colpo di reni prodigioso manda in angolo. Dopo una partita impeccabile la difesa del Padova cede per un rimbalzo beffardo: ad essere ingannato è Legati, superato da Sau e costretto ad atterrarlo in area, rigore e rosso diretto. L’idolo delle vespe corona una grande partita condannando il Padova dal dischetto, spiazzato Perin. Saltano gli schemi ed i veneti mai fuori dalla gara sfiorano il pari con Ruopolo e Cacia, ma vengono definitivamente abbattuti da una doppietta del solito, immenso Marco Sau: lancio di Raimondi per l’attaccante sardo che fa esplodere la platea e fissa il due a zero finale. Brusco stop in classifica in chiave playoff per il Padova, inversamente alla Juve Stabia che, oramai salva, guarda verso l’alto.