Un 2 a 2 ci manderà a casa. Spagna e Croazia che faranno nella terza sfida?

Un 2 a 2 nel prossimo turno tra Spagna e Croazia ci manderà a casa. Nessuna vittoria, con qualunque punteggio, ci permetterebbe all’Italia di proseguire nella manifestazione. Ovvio che l’Italia dovrà vincere ma a questo punto dunque potrebbe non bastare. Si spartiranno la posta spagnoli e croati proprio con quel punteggio? Si sa, il calcio ha spesso regalato emozioni e stranezze anche se è vero che proprio l’Italia ricorda una torta tra Svezia e Danimarca che ci mandò a casa. Ed anche allora alle due squadre bastava un pareggio.

Ma l’Italia deve fare il mea culpa. Passi per il pareggio con la Spagna ma anche contro la Croazia, onesta squadra europea, nulla di trascendentale anche se certamente molto tosta e ben sistemata in campo, l’Italia ha giocato di fatto solo per 45 minuti. Poi allo scoccare dell’ora di gioco la luce si è spenta e gli avversari sono usciti allo scoperto. Era accaduto pure con la Spagna (ma Fernando Torres allora ci graziò), è avvenuto anche con la Croazia. L’Italia fa una fatica incredibile a segnare (nelle ultime cinque gare sono arrivate tre sconfitte ed appunto due pareggi con due miseri gol all’attivo), Cassano e Balotelli non sono centravanti di razza, mai hanno segnato tanto nella loro carriera e l’unico vero bomber (Di Natale) è stato fatto scendere in campo solo nella seconda parte delle due sfide. E’ andata bene contro gli iberici, meno contro gli slavi.

Cesare Prandelli questa volta ha sbagliato i cambi. Inutile fare scaldare per lungo tempo Balzaretti senza poi mandarlo in campo, continuando a tenere un Giaccherini chiaramente in affanno. Forse, dell’undici iniziale, il primo da togliere sembrava Cassano e non Balotelli (anche se tra i due non si capisce chi giocasse meno peggio). Perché continuare ad insistere su Thiago Motta senza provare Nocerino, cannoniere bis nel Milan? Ma soprattutto è lo stato di forma che preoccupa: le avversarie corrono sino al 90esimo ed oltre, l’Italia no. E con un solo gol di vantaggio, la stanchezza latente nella squadra ed una forma non ottimale (ma non dovrebbe essere la stessa cosa per tutte le Nazionali presenti ad Euro 2012?) per gli avversari resta facile recuperare e metterci paura.

Adesso speriamo che spagnoli e croati se la giochino senza pensare che il 2 a 2 li qualificherà al turno seguente facendoci fuori. Ma chi ci crede realmente che ciò avvenga? Insomma che le due squadre non daranno lo spettacolo apposito per chiudere la sfida sul 2 a 2?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *