Euro 2012, la Repubblica Ceca elimina i padroni di casa della Polonia

 

La sfida decisiva del girone A: la seconda classificata contro la terza. Repubblica Ceca e Polonia sono pronte a giocarsi il tutto per tutto, coi polacchi favoriti dal fatto che giocano davanti al loro pubblico. Le prime emozioni già al secondo minuto, con Dudka che sbaglia di poco una rovesciata. Due minuti dopo rispondono i cechi con Pilar che non sfrutta l’occasione di essere solo lui davanti al portiere in area. Al decimo un erroraccio di Lewandoski fa tirare un sospiro di sollievo ai cechi che già si vedevano in svantaggio. Per il successivo quarto d’ora abbiamo un’azione per parte e anche un ammonito per parte (LImbersky per i cechi, Murawski per i polacchi) poi nulla di eclatante fino al minuto trentasette, quando Baros ha l’occasione di mettere la palla dietro Tyton ma la sfera gli giunge troppo veloce e non riesce a stopparla. Nel finale i cechi si mostrano più avanti anche se la partita sembra essere appannaggio di una bella anche se poco concludente Polonia.
Nel secondo tempo aubito un’ammonizione per Polanski della Polonia che sembra riuscire solo a procurarsi cartellini gialli (sarà ammonito anche Wasilewski). La prima azione importante è dei cechi, con Sivok che di testa impegna Tyton che si salva usando i propri riflessi. Il dominio dei cechi lascia intendere che il gol è dietro l’angolo. Gol che arriva a diciannove minuti dalla fine, con una bella azione di Jiracek che dribbla qualche avversario e mette in rete per regalare il primo posto alla sua squadra. Da qui in poi la partita non suscita particolari emozioni con i cechi che provano qualche volta a raddoppiare mentre i padroni di casa si lasciano prendere dalla collera e commettono azioni sempre più pericolose. Si giunge così al triplice fischio, con la Repubblica Ceca che riesce a prendersi la prima posizione dopo aver perso la prima giornata. La Polonia, invece, saluta la manifestazione subito. Essendo giunta in testa alla clasifica, la Repubblica Ceca affronterà la seconda del girone B e quindi (a meno di miracoli) ha evitato la Germania.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *