Lewandowski ha litigato con i suoi tifosi: il gesto a sorpresa

Lewandowski Polonia
Robert Lewandowski (Getty Images)

L’Inghilterra decide di inginocchiarsi contro il razzismo ma i tifosi polacchi iniziano a fischiare: interviene, perciò, Lewandowski.

Nella serata di oggi, mercoledì 8 settembre, si è disputata la gara tra Polonia e Inghilterra. La sfida è terminata in parità, con un 1-1 finale. Prima del fischio d’inizio, però, i giocatori inglesi come si consueto hanno deciso di inginocchiarsi ma dagli spalti si sono levati i fischi dei tifosi polacchi.

Un gesto, quello del mettersi in ginocchio, che fin da subito ha creato non poche polemiche, ma che di sicuro merita il rispetto da parte del mondo dei tifosi e non solo. È proprio questo che ha voluto rimproverare ai suoi sostenitori Robert Lewandowski.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Lewandowski Polonia
Robert Lewandowski (Getty Images)

I tifosi polacchi fischiano i giocatori inglesi, Lewandowski prende posizione

Un gesto che non è dunque passato inosservato quello dei tifosi della Polonia nei confronti degli inglesi inginocchiati in campo. Lewandowski non ci ha pensato su due volte e ha deciso di prendere posizione: rivolto ai contestatori, infatti, ha indicato la scritta ‘Respect‘ posta sulla propria maglia. Una presa di posizione chiara la sua contro coloro che, allo stadio di Varsavia, hanno assunto un comportamento scorretto.

LEGGI ANCHE >>> L’Italia è ai Mondiali se… Il regolamento per gli Azzurri parla chiaro

Già prima di questo suo gesto, lo scorso marzo, la Nazionale Polacca aveva preso posizione riguardo questo tipo di comportamento. Un comunicato ufficiale dichiarava: “La PZPN è sempre stata guidata dal rispetto dei principi di uguaglianza, tolleranza e parità di diritti nei confronti di tutte le persone. I giocatori polacchi, prima del primo fischio della partita con l’Inghilterra, indicano la scritta “UEFA RESPECT” sulla manica sinistra della maglia, che si riferisce alla campagna condotta dalla federazione europea contro il razzismo, la xenofobia e intolleranza“. Il gesto di Lewandowski dunque appare perfettamente in linea con la decisione presa dall’intero gruppo nazionale.