Le altre gare: per Juventus e Lazio impegni casalinghi

Giornata che appare favorevole alla Juventus che ospiterà il Genoa, terz’ultimo. Sulla carta non dovrebbero esserci problemi per la Vecchia Signora nell’incamerare i tre punti. Il Grifone ha cambiato allenatore con l’arrivo di Ballardini ma  sembra davvero impossibile che il neo tecnico possa aver già impresso nei giocatori la propria mentalità dopo soli tre giorni dal suo avvento. Anche i numeri dicono che questa sfida è tutta a senso unico. Basti pensare che il Grifo ha vinto solamente in due occasioni (l’ultima volta nel 1990 quando finì 1 a 0 grazie ad una rete di Tomas Skuhravy) in Piemonte a fronte di ben 35 successi dei padroni di casa (8 i pareggi). L’anno scorso fu un 2 a 2 molto combattuto con doppietta di Matri per i locali e reti di Marco Rossi e Caracciolo per gli ospiti. Dubbio Pirlo per Conte che però può contare sulla freschezza di Pogba quale sostituto mentre il nuovo Genoa ripartirà da dove aveva chiuso Delneri ovvero con Immbile e Borriello di punta.

Gioca in casa pure la Lazio affrontando un Chievo che però può diventare pericoloso nelle ripartenze. Romani che ancora dovrebbero presentare Floccari in attacco al posto di un Klose non ancora al meglio della condizione. In attesa del portiere, i veneti invece avranno ancora Puggioni tra i pali. Non tra i titolari l’ultimo arrivato, l’ex genoano Seymour. I precedenti sono a favore dei clivensi che hanno vinto 3 gare contro 1 dei laziali e 6 pareggi. L’unico successo bianco azzurro è datato 2003, gara finita 1 a 0, grazie alla rete di Sinisa Mihajlovic. Le ultime tre sfide si son chiuse sempre in pareggio, l’ultima per 0 a 0. I veneti hanno assaporato la vittoria a Roma per l’ultima volta nel 2009 quando si imposero 3 a 0 grazie ai gol di Bogdani e doppietta di Pellissier.

Duro posticipo domenicale per l’Inter che al Meazza se la vedrà contro un Torino più abile a far punti in trasferta che tra le mura amiche. Squadra di Stramaccioni che avrà tra le gambe la sfida di Coppa Italia e quindi nuove tossine in più rispetto ai granata. La notizia confortante è il recupero di Cassano che tornerà in campo al fianco di Palacio mentre Ventura si affiderà alla stessa squadra di sette giorni fa più Rolando Bianchi che tornerà al centro dell’attacco per Meggiorini. Inter strafavorita guardando i numeri della sfida. Su 68 gare sin qui giocate infatti ne ha vinte 36, perdendone solamente 9 (l’ultima nel 1988 , 1 a 0, con gol partita realizzato su rigore da Cravero) e pareggiandone 23. Proprio il segno ics è uscito nell’ultimo incrcio tra le due squadre, nel 2009, quando terminò 1 a 1 con reti di Burdisso per i nerazzurri e Rolando Bianchi per i granata. Ben 108 le reti realizzate complessivamente dalla squadra di casa contro le 42 degli avversari.

Molto interessante è anche l’incontro Catania-Fiorentina. Gli etnei possono avvicinare ancora di più la zona Europa se riusciranno a mandar k.o. i viola. Maran non potrà contare sugli squalificati Lodi e Bergessio. Il primo sostituito da Salifu ed il secondo dal guizzante Castro. Fiorentini con il nuovo acquisto Larrondo in panchina e con il ritorno di Luca Toni al centro dell’attacco. Gara che è stata giocata già in 15 circostanze con predominanza toscana. Fiorentina infatti che ha vinto già 8 volte in Sicilia, contro le 4 rosso azzurre e i 3 pareggi. Ma attenzione, la formazione ora di Montella (a proposito è il match del tuo ritorno in quella che per una stagione è stata anche casa sua) non espugna il Massimino dalla stagione 2008/09 quando si impose 2 a 0 grazie alle marcature di Jovetic e Zauri.

LE ALTRE GARE – Risalire la china è l’imperativo della Roma in quel di Bologna. Zeman punta sulla conquista dei tre punti per mantenere accesa la fiammella della speranza che porta all’Europa (anche alla più prestigiosa). Potrebbe esser la volta del ritorno dell’olandese Stekelenburg in porta al posto di Goicoechea. In attacco Totti in campo con Osvaldo ed il rientro di Pjanic sulla mediana d’attacco. Tifosi felsinei sul piede di guerra contro la società dopo la cessione di Portanova al Genoa. Previste contestazioni al presidente di casa. Anche il Milan di Allegri vuole cercare di rientrare nell’élite della graduatoria. Per farlo però dovrà passare indenne da Bergamo dove l’attende un’Atalanta desiderosa di punti per evitare di cadere verso la bassa classifica.  Possibile l’ingresso di Zaccardo sulla fascia rossonera. Derby delle isole tra Cagliari e Palermo. Sfida salvezza per entrambe in cui i sardi sembrano star meglio mentre la squadra di Gasperini dovrà badare più al sodo che allo spettacolo. Infine si giocheranno pure Sampdoria-Pescara nel ricordo del presidente Garrone appena scomparso e Udinese-Siena, derby tra squadre bianco nere con i padroni di casa favoriti.