Big match: sogni europei per due

allegri

Terzo e quinto posto sono i rispettivi obiettivi per Milan e Roma che si affrontano nello scontro diretto al Meazza. Più facile che a raggiungere il traguardo finale siano i rossoneri che vantano quattro punti di vantaggio rispetto alla Fiorentina di quanto non lo sia per i giallorossi che sono sotto di due punti rispetto all’Udinese e devono vedersela anche coi cugini laziali che si trovano a pari punti. Ma tant’è la squadra di Andreazzoli cercherà di vincere dopo la clamorosa sconfitta interna contro il Chievo di martedì scorso. Per entrambe il favore di conoscere già i risultati delle avversarie dirette essendo questa  la gara che chiuderà il penultimo turno stagionale.

Possibile qualche variazione nelle due formazioni rispetto alle ultime uscite. Allegri potrebbe riportare in campo El Shaarawy dopo la sosta di Pescara al fianco di Balotelli. Per l’ex Padova è un momento un po’ così, non arrivano più le reti di inizio stagione ed in effetti l’arrivo dell’ex Manchester City ha offuscato la sua stella che, sino a quel momento, brillava alta nel cielo di Milano. Il terzo uomo d’attacco sarà Boateng. Andreazzoli riporta Castan in campo per Burdisso che siederà al suo fianco mentre Bradley entrerà a centro campo al posto di Piris ed in attacco Lamela torna in campo a sostegno dei compagni Osvaldo e Totti. In porta sempre Lobont.

PRECEDENTI: padroni di casa che, stando ai numeri, sono nettamente favoriti. Si tratta di una sfida che può benissimo essere annoverata tra le ‘classiche’ del campionato italiano. Ben 77 i precedenti tra le due formazioni ed in 44 casi la squadra vittoriosa è stata il Milan. Briciole per la Roma che ha conquistato 16 vittorie e 17 pareggi. La prima sfida è stata giocata nel lontano 1929 e il diavolo se la aggiudicò 3 a 1. In vantaggio gli ospiti con Chini, subirono la rimonta locale che fu determinata dalle segnature di Moroni, Ranelli e Tansini. Dell’anno seguente la prima vittoria romana, 2 a 0, firmata Volk che segnò la doppietta decisiva. Tra i risultati più eclatanti da ricordare un 6 a 2 per il Milan nella stagione 1949/1950, tripletta di Rinardi, doppietta di Nordhal e gol di Liedholm per i padroni di casa e Lucchesi e Bacci a favore dei giallorossi. IL successo più lardo dei romanisti è il 3 a 1 del 1941. Meazza portò avanti i locali che furono recuperati da una doppietta di Krieuzu e Panto. L’ultimo incrocio, dello scorso anno, vide il Milan vincere 2 a 1. Decisivi due gol di Ibrahimovic a rimontare l’iniziale vantaggio segnato da Osvaldo. Dell’anno precedente l’ultimo successo ospite firmato Borriello. Il pareggio è il risultato che manca da più tempo. L’ultimo è del 2004. Quella sfida si chiuse sull’ 1 a 1 con Montella bravo a recuperare l’iniziale vantaggio di Shevchenko. Le reti segnate complessivamente sono state 214. In vantaggio il Milan 138 a 76 con una netta predominanza di marcature realizzate nei secondi 45 minuti di gioco (92 a 43). Da registrare come il primo quarto d’ora della ripresa sia il momento migliore per i padroni di casa di andare a rete. L’hanno fatto in 36 circostanze.

Massimiliano Allegri è in leggero svantaggio nei confronti diretti contro la Roma. Sono 7 gli incroci con 3 sconfitte, 2 vittorie ed altrettanti pareggi. Prima assoluta invece per Aurelio Andreazzoli nei confronti della società rossonera. E’ una prima anche il confronto diretto tra i due tecnici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *