Inter frena col Brescia e ringrazia ancora Eto’o per una sua rete decisiva. Benitez sulla graticola.

di Franco Avanzini
Eto’o (su rigore) salva l’Inter dalla prima sconfitta interna in campionato contro un buon Brescia che per oltre 70 minuti culla il sogno dell’impresa. Inter senza l’infortunato Julio Cesar sostituito da Castellazzi, Milito, Eto’o e Pandev tutti assieme in attacco con Snejider alle loro spalle. Brescia invece che cerca l’impresa con Caracciolo in attacco e la coppia Kone-Diamanti alle sue spalle. Parte subito bene l’Inter che prova a chiudere gli avversari nella loro metà campo. Coutinho spreca una buona opportunità calciando a fondo campo. Al 4’ tocca a Snejiders saggiare la bravura di Arcari (Sereni ancora out) che blocca il pallone. Il Brescia non sta a guardare ma ancora l’Inter ci prova con Eto’o che conclude addosso al numero uno delle rondinelle. Anche Pandev conclude ma Arcari è bravo nella deviazione della sfera. Si vede poco Milito che ancora non è al top della condizione. L’argentino non è fortunato al 10’. La sua conclusione finisce di poco a  fondo campo. Quattro minuti dopo succede l’incredibile: Dallamano serve Caracciolo che conclude di destro e batte Castellazzi con un tiro imparabile. Brescia in vantaggio ed Inter costretta  a dover inseguire. Eto’o di testa, Pandev e Coutinho coi piedi provano a riportare la squadra in parità senza riuscirvi. Anche al centrocampista olandese Snejider non va meglio: la sua conclusione finisce fuori. Al 22’ si rivede il Brescia: cross di Diamanti e colpo di testa di Caracciolo con la sfera che termina di poco alta sulla traversa. Stessa sorte poco dopo ad una inzuccata di Lucio sull’altro fronte. Si infortuna Maicon ed al suo posto entra Cordova. Al 35’ tiro col sinistro di Pandev e palla che sorvola la traversa alla sinistra di Arcari. Caracciolo si dimostra sempre pericoloso di testa ed al 43’ costringe Castellazzi alla parata. L’Inter attacca ma non passa ed il parziale alla fine del primo tempo la vede sotto per 1 rete a 0 contro il Brescia. La ripresa si apre con l’ingresso di Obi al posto di Snejider. Al 2’ Eto’o si vede respingere un bel tiro e tre minuti dopo l’Inter perde anche Samuel per infortunio. Al suo posto entra Santon. L’Inter conquista un angolo. Batte Coutinho, testa di Cordova e palla sopra la traversa. I nerazzurri sembrano voler attaccare a testa bassa per recuperare il risultato. Coutinho di testa con palla fuori ed una posizione irregolare di Milito su lancio dello sesso brasiliano mettono in empasse la squadra di Iachini che si difende a denti stretti. I padroni di casa insistono ma non passano. Al 19’ ci prova Eto’o ma il tiro del camerunense viene respinto da Arcari. Iachini al 22’ fa entrare il centrocampista Budel per Nicolas Cordova. Un minuto dopo Berardi serve Diamanti che conclude verso la porta avversaria ma la sfera viene bloccata da Castellazzi. Sull’altro fronte passaggio filtrante di Milito per Eto’o che calcia di potenza ma Arcari para. Il pareggio, meritatao, dell’Inter, arriva al 27’. Berardi atterra in area di rigore Eto’o, per l’arbitro è fallo. Dagli undici metri va lo stesso camerunense che non da scampo ad Arcari. E’ l’1 a 1. Nel Brescia, Iachini prima fa entrare il fantasista attaccante Eder per Kone quindi è costretto a cambiare l‘infortunato Diamanti con Bega. Il Brescia cerca di tenere più palla possibile perdendo anche tempo per portare a casa un prezioso pareggio dopo cinque sconfitte consecutive. Ci prova ancora Obi nel primo minuto di recupero ma la sua conclusione finisce sopra la traversa. L’ultimo tentativo arriva per piede di Milito che cerca l’angolino basso con un bel rasoterra ma Arcari frena la sfera regalando di fatto un insperato pareggio al Brescia in quel di San Siro. Per Benitez, dopo la scoppola inglese, sarà una settimana non certo tranquilla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *