Brasile-Germania 1-7, Scolari si difende: “Potevamo stare 4-5”

Brasile-Germania 1-7, scolariBRASILE-GERMANIA 1-7, Scolari prova a difendersi- Il pesante 1-7 subito a Belo Horizonte dalla Germania ancora fa discutere in Brasile: la nazionale verdeoro è stata letteralmente sovrastata dalla compagine tedesca in una partita che da qui in avanti verrà ricordata come il “Mineirazo”, che di fatto ha interrotto i sogni di gloria dei brasiliani. Una partita praticamente non giocata dagli uomini di Scolari che, anche se privi di Thiago Silva e Neymar, non hanno saputo arginare l’ondata teutonica.

Mai il Brasile aveva subito tanti gol in una competizione e uno dei principali colpevoli di quella che dai media verdeoro viene definita una “vergona” sembra essere il ct Scolari. Felipao viene additato dalla critica come uno dei principali artefici, con le sue scelte discutibili e non condivise, della debacle della Seleçao: l’utilizzo di Fred e Bernard per esempio, il mancato impiego di Hernanes e l’incapacità di dare un gioco ad una nazionale che storicamente pratica il cosiddetto “futbòl bailado”.

Scolari però non solo incassa le critiche ma le respinge anche al mittente: prima non conferma l’ipotesi di dimissioni al termine della competizione poi torna a parlare anche del 7-1 subito in semifinale, cercando di minimizzare la sconfitta. Non lo fa davanti alle telecamere ma in un fuorionda beccato dalle tv brasiliane che colgono il discorso di Felipao; il ct sembra quasi difendersi e dichiara: “La partita sarebbe potuta finire 5-4 se avessimo realizzato le occasioni da gol che abbiamo avuto all’inizio del secondo tempo. Una sconfitta non può rovinare un lavoro”. Sarà, ma i brasiliani non sembrano tanto convinti di questa ipotesi…