Brutta Juventus, bella Fiorentina: finisce 1 a 1. Espulso Felipe nel finale.

di Franco Avanzini
Non riesce alla Juventus l’avvicinamento al Milan. Merito di una Fiorentina ben messa in campo che ha praticamente lasciato poco spazio all’inventiva di Krasic ed annullato Aquilani. Finisce 1 a 1 coi viola raggiunti solo a pochi minuti dalla conclusione. Nella Fiorentina dal primo minuto gioca il 18enne Camporese mentre nella Juventus Del Piero scende in campo mentre l’altro 18enne Sorensen finisce in panchina. Ex della gara è Chiellini, Grosso continua a mantenere la maglia da titolare e torna Traorè vicino a Del Neri. Partenza equilibrata ma alla prima vera occasione la Fiorentina passa in vantaggio. Vargas dal fondo crossa interviene Motta di testa che devia la sfera alle spalle del portiere Storari. Sull’azione, errore di Krasic che, in pratica, lascia sfilare la sfera verso il viola senza tentare di intervenire. E’ l’undicesima rete subita in casa a fronte delle sole tre patite in trasferta. Si scontrano con la testa Motta e Gilardino, il toscano costretto ad uscire dal campo per un paio di minuti e rientrare con un bianco turbante. La replica della Juventus arriva al 13’ con un colpo di testa di Bonucci che finisce a fondo campo. Sei minuti dopo, Marchisio al volo gira un cross di Motta ma la conclusione finisce tra le braccia di Boruc. Bianconeri che però non riescono a far girare bene la palla per l’ottima opposizione degli avversari. Vargas soprattutto sulla fascia sinistra crea parecchi problemi a Motta e lo stesso Krasic sbaglia a centrocampo parecchi palloni. Al 27’ Felipe Melo tira dalla distanza, la difesa sporca la sfera che arriva a Del Piero che, dinanzi a Boruc, spara alle stelle. Del Piero prova a rifarsi su punizione ma la sua conclusione viene deviata da Boruc. Il capitano bianconero quindi al 40’ serve un assist per Marchisio che però conclude in rasoterra sull’esterno della rete. Tre minuti dopo Vargas se ne va via a tre avversari e viene steso da Bonucci che si becca il cartellino giallo, primo della partita. Primo tempo che si chiude coi viola avanti ed i bianconeri che dovranno riflettere per alcune inecisioni a centrocampo dove Aquilani mai è entrato in partita e Krasic non è costante come a Genova nella settimana precedente. La Juventus prova a spingere ma non trova i varchi giusti anche ad inizio ripresa. Viceversa la Fiorentina al 6’ sfiora il raddoppio con un tiro di Vargas che finisce i poco fuori. Quattro minuti dopo costretto ad uscire Gilardino (stiramento) al suo posto dentro Babacar mentre nella Juventus, poco dopo, dentro Iaquinta fuori Del Piero che poco prima aveva battuto una punizione dal limite di poco fuori. Assieme a Iaquinta dentro anche Pepe per un negativo Aquilani. Al 14’ girata di Quagliarella e sfera che finisce tra le braccia di Boruc. Tre minuti dopo viene ammonito Pasquale per una trattenuta ai danni di  Krasic. Viola che inseriscono Marchionni togliendo Ljajc. Mihailovic si vede poi costretto a togliere l’infortunato Camporese per Felipe. Vargas spara alle stelle una buona palla dal limite dell’are poi sale sul proscenio Boruc che prima in spaccata devia un tiro di Iaquinta quindi mette in angolo una conclusione rasoterra di Chiellini. Il portiere polacco si infortuna alla spalla destra ma non può uscire dal campo in quanto la sua squadra ha effettuato tutti i cambi a sua disposizione. Al 36’ se ne va Pepe sulla fascia sinistra e Comotto lo ferma con un fallo. Per il viola è cartellino giallo intanto Del Neri inserisce Lanzafame al posto di Motta. Sulla punizione calcia Pepe a girare sul secondo palo, Boruc risente della botta precedente, facendo anche un passo in avanti e facendosi quindi scavalcare dalla palle per il pareggio bianconero. La Fiorentina si chiude troppo e la Juventus prova a vincere la gara. Al 44’ Felipe commette fallo su Krasic e viene ammonito per la seconda volta e quindi lascia i suoi in dieci. Pepe ci riprova al primo dei cinque minuti di recupero dalla stessa posizione del gol ma Boruc con la mano sinistra questa volta devia. Babacar scatta in contropiede e Marchisio lo stende: è giallo. Stessa sorte tocca a Pepe per un fallo al limite dell’area su Vargas. Punizione calciata da D’Agostino con Storari che devia coi pugni. E la gara termina qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *