All’ultimo respiro, Di Vaio segna ed il Bologna esulta. Finisce 2 a 1.

di Franco Avanzini
Marco Di Vaio è l’uomo della provvidenza per il Bologna. Una sua rete a tempo scaduto regala il successo ai felsinei condannando il Chievo alla battuta d’arresto dopo che era riuscito a recuperare, ad inizio ripresa con Cesar, il gol del vantaggio di Britos. Di Vaio e Gimenez in campo dal primo minuto per dar l’assalto al Chievo che, a sua volta, presenta Moscatelli e Pellissier in avanti. I rossoblu devono vincere per incrementare la loro classifica ma l’inizio è titubante sino al 12’ quando Di Vaio prova la conclusione che termina a fondo campo. Stessa sorte capita cinque minuti dopo ad un tiro di Gimenez. Il B0logna preme mentre il Chievo non fa molto per sbloccare la gara. La prima ammonizione arriva al 21’ e spetta a Rigoni per gioco falloso. Due minuti dopo si fanno vedere finalmente gli ospiti con Pellissier che conclude dal limite dell’area di rigore ma la palla termina fuori. Gialloblu costretti al cambio al 24’ per un infortunio capitato a Costant a cui subentra Bogliacino. Sei minuti dopo gara ferma a causa di un onfortunio che colpisce Gomez. Il bolognese è costretto a lasciare il campo ed al suo posto entra Casarini. I locali intensificano gli assalti ed al 31’ Sorrentino è bravo a deviare una conclusione di Ekdal. Dopo l’ammonizione di Sardo, un tiro parato a Di Vaio, finalmente la partita si sblocca al 39’ con un tiro potente di Britos che si insacca imparabilmente. Vantaggio del Bologna meritato. Il primo tempo non offre altro, vuoi per la buona disposizione felsinea che per la poca propensione offensiva del Chievo. La ripresa si apre ancora con i locali avanti e con Di Vaio che al 2’ si vede parare una conclusione pericolosa. Passano altri due minuti ed improvvisamente il Chievo pareggia. Calcio d’angolo di Marcolini e perfetto stacco di testa di Cesar che non da scampo a Viviano: è 1 a 1 un po‘ a sorpresa. Mantovano quindi si fa ammonire per gioco scorretto. Il Bologna cerca il nuovo vantaggio ed al 9’ Casarini appoggia a Gimenez che tira ma Sorrentino para. Un minuto dopo Di Vaio sbaglia la mira di testa mandando il pallone a fondo campo. Il Chievo al 18’ tenta la carta Granoche sostituendo uno spento Moscardelli. Tre minuti dopo entra Siligardi per Mudingay nel Bologna. Al 25’ ci prova ancora Di Vaio col destro ma la palla termina lontana dai pali della porta di Viviano. Granoche si dà da fare e due minuti dopo impegna Viviano a terra e stessa cosa capita ad una testata di Cesar. A dieci dalla conclusione entra Bentivoglio in luogo di Guana. Mentre i locali mettono dentro Meggiorini per Gimenez. Il Bologna prova gli ultimi assalti senza fortuna dovendosi guardare anche dai contrattacchi clivensi. Ma prorpio al 93′ Marco Di Vaio, il bomber della squadra, salva i rossoblu regalandogli i tre punti. Il giocatore batte a rete con un rasoterra preciso dopo un angolo battuto da Moras, trovando l’angolino basso alla destra di Sorrentino che nulla può per evitare che la palla termini in fondo al sacco. E’ il 2 a 1 col quale il Bologna sale in graduatoria a quota 19 ad una lunghezza dal Chievo.