Jimenez regala un buon Natale al Cesena. Cagliari assente.

di Franco Avanzini
Tre punti di platino per il Cesena, al quarto successo stagionale contro un Cagliari abulico e brutto nella ripresa. Nei sardi assente lo squalificato Nené sostituito da Robert Acquafresca. Locali che partono subito veloci, Jimenez serve Caserta che tira ma la sfera termina di poco a fondo campo. Sembra l’avvio di una gara spumeggiante ma è solo un fuoco di paglia. La posta è troppo alta per rischiare brutte sorprese. Così il Cesena ragiona maggiormente ed il Cagliari non schiaccia sull’acceleratore. Al 13’ viene ammonito Bogdani per gioco falloso. Quattro minuti dopo ci prova Parolo ma la conclusione sorvola la traversa. Al 17’ Matri conclude malamente e sul capovolgimento di fronte il Cesena passa in vantaggio. Fallo di Conti su Caserta. Punizione battuta da Giaccherini per Jimenez, scambio tra i due al limite dell’area, il cileno evita un avversario e batte Agazzi imparabilmente con un tiro liftato. Partita che si mette bene per i padroni di casa. La replica degli ospiti arriva al 21’ con una conclusione prima di Daniele Conti respinta quindi di Nainggolan alta di poco. Tre minuti dopo ci prova Parolo a portare un po’ di scompiglio in casa Cagliari ma la conclusione finisce fuori. Dopo una fase di stanca, tocca ad Acquafresca provare a centrare lo specchio della porta senza però riuscirvi. L’attaccante ci riprova poco dopo senza successo poi al 39’ primo giallo per un giocatore del Cagliari. Per un brutto fallo viene ammonito Astori. L’occasione più nitida per il pareggio capita ad Acquafresca che al 44’ di testa colpisce la traversa correggendo un cross di Canini. Sardi in questa occasione sfortunati. Dopo due minuti di recupero il primo tempo si chiude coi romagnoli in vantaggio ed i sardi che recriminano per il legno colpito proprio in chiusura. La ripresa comincia con la sostituzione di un nervoso Bogdani con Igor Budan. Giaccherini al 1’ ci prova con il suo destro ma spedisce la palla a fondo campo. Miglior sorte trova un suo tiro cinque minuti dopo con Agazzi che blocca a terra. La gara si accende. Prima Caserta trova la respinta del portiere quindi, sull’altro fronte, è Matri a chiamare in causa Antonioli. All’8’ Jimenez serve Colucci che tira ma la difesa respinge.  Dieci minuti dopo, Colucci lancia Giaccherini che tira ma Agazzi blocca la palla. Al 19’ ci prova Caserta ma la mira è errata e la sfera si perde sul fondo. Quindi nel Cagliari entra Lazzari al posto di Daniele Conti. Al 24’ il neo entrato ci prova ma la palla finisce sopra la traversa. Il Cagliari ci prova con continuità ed al 34’ Biondini di testa manca la porta di poco dopo un cross di Agostini. Donadoni sostituisce quindi un abulico Cossu con un altro attaccante: il giovane Ragatzu. Jimenez si becca un giallo per gioco falloso. Al 39’ Giaccherini fila sulla destra, entra in area di rigore ma conclude malamente lontano dalla porta avversaria. A due minuti dalla fine Ficcadenti sostituisce il match winner Jimenez inserendo Schelotto. Nei minuti di recupero non succede più nulla e per il Cesena arrivano tre punti basilari nella lotta per la salvezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *