Romane sul podio, Milan giù: ecco i voti della 17esima giornata.

di Franco Avanzini
Queste le votazioni della diciassettesima giornata squadra per squadra.
Bari voto 6.5: in dieci dal ventesimo del primo tempo eppure ha recuperato la rete avversaria ottenendo finalmente un punto. Grande prova di carattere.
Bologna voto 6: prende un punto del derby dell’Emilia e va bene così. Gioca meglio degli avversari e soprattutto con la mente sgombra dai problemi societari.
Brescia voto 5.5: Budel regala il gol a Maxi Lopez, la squadra non reagisce molto e davanti mette in mostra scarsa lucidità sotto porta.
Cagliari voto 5: gioca una gara sottotono come se la testa fosse già alle vacanze natalizie. Combina poco durante i novanta minuti quasi si fosse prestato ad essere l’agnello sacrificale.
Catania voto 6.5: torna al successo grazie ad un giocatore, Lopez, cui la sera prima era nato il secondogenito. Subisce poco o nulla e chiude così l’annata con tre punti che la portano a centro classifica.
Cesena voto 7: vittoria d’oro nonostante il nervosismo di Bogdani. Ficcadenti salva la panchina ed ora può guardare al futuro con una buona dose di ottimismo anche se raggiungere la salvezza non sarà impresa semplice.
Chievo voto 6.5: Marcolini sbaglia ma per fortuna ci pensa Pellissier proprio allo scadere a rimediare. Così arriva il punto preventivato seppur con qualche sofferenza di troppo.
Fiorentina voto ng: recupererà più avanti la gara contro l’Inter.
Genoa voto ng: la neve frena il derby, l’impresa adesso sarà trovare una data disponibile per la disputa della partita.
Inter voto ng: due gare da recuperare ma la soddisfazione di esser divenuta Campione del Mondo seppur con la spina delle dichiarazioni di Benitez.
Juventus voto 6: chi al novantesimo ferisce, al novantesimo subisce. Si potrebbe dire proprio così visto che con la Lazio i tre punti arrivarono allo scadere e questa volta i due in meno sono giunti sul filo di lana.
Lazio voto 8: regina del campionato, Milan a parte. Gioca alla grande e chiude una prima parte di campionato in crescendo mettendo in mostra un super Hernanes.
Lecce voto 6: sfortunatissimo per un gol negatogli sulla riga ed uno subito allo scadere. De Canio di più non poteva fare e l’impresa del pareggio stava quasi arrivando a destinazione.
Milan voto 5: riapre il campionato con la propria battuta d’arresto, gioca sotto tono e crea poco per segnare. Arriverà Cassano e partirà Ronaldinho? A breve lo sapremo.
Napoli voto 7: la zona Mazzarri permette al Napoli di proseguire nel sogno Champion’s. Non una grande partita ma sicuramente una squadra che si impegna sino all’ultimo istante ed un bomber di razza che riesce sempre ad estrarre il coniglio dal cilindro.
Palermo voto 5.5: si fa raggiungere in superiorità numerica contro una compagine monca di dieci titolari. Pastore si nasconde ed in attacco ne Ilicic ne tantomeno Miccoli prima e Maccarone dopo creano occasioni pericolose.
Parma voto 6: Crespo questa volta sbaglia, la sua squadra non ingrana ed alla fine si accontenta del punto. Ma va bene anche così.
Roma voto 7.5: gara accorta, senza subire troppo e pungendo al momento giusto con l’ex di turno Borriello. E sta ritrovando un Adriano sulla via del recupero.
Sampdoria voto ng: viene frenata dalla neve che non permette la disputa del derby.
Udinese voto 6: recupera in due occasioni poi si fa autorete e deve ammainare la propria bandiera. Prova comunque di coraggio seppur con un Di Natale poco ispirato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *