Tris Inter e Leonardo sorride. Thiago Motta sugli scudi. Napoli ko.

di Franco Avanzini
Buona la prima per Leonardo sulla panchina dell’Inter. Finisce 3 a 1 contro un Napoli bello nel primo tempo, meno nella ripresa. Thiago Motta è l’uomo partita per i nerazzurri con una doppietta. Poche invece le occasioni per mettersi in evidenza per il trio delle meraviglie partenopee. Ranocchia, ultimo arrivato, parte dalla panchina nella prima di Leonardo sulla panchina dell’Inter. In attacco, ancora assente Eto’o, la coppia d’oro è Milito-Pandev. Nel Napoli Mazzarri presenta il trio delle meraviglie Hamsik-Cavani-Lavezzi per cercare di alimentare la propria graduatoria. L’avvio è sorprendente, l’Inter parte in quarta e dopo appena tre minuti passa in vantaggio. Stankovic serve Thiago Motta. L’ex genoano spara col suo sinistro dalla distanza e per De Sanctis non c’è nulla da fare. Gara subito in discesa per Leonardo e la sua truppa. Napoli scioccato che dovrà subito scoprirsi per cercare il pareggio. Lavezzi prova a portare lo scompiglia tra i nerazzurri e Chivu si fa ammonire per averlo fermato in maniera rude. Sulla punizione susseguente Dossena viene colto in fuorigioco sul lancio di Walter Gargano. Viene anche ammonito Aronica per gioco falloso su Pandev. Il Napoli si scopre un po’ portando molti uomini in attacco ma l’Inter non ne approfitta troppo anche se, rispetto al passato, tende maggiormente a verticalizzare. Zanetti al 20’ scivola e tocca la palla con le mani per non far partire Gargano, giusto il cartellino giallo. Cinque minuti dopo, angolo di Lavezzi, colpo di testa di Pazienza e Castellazzi è battuto. Partita intensa ed interessante tra due squadre che cercano di superarsi. Napoli vicino al raddoppio con un diagonale di Maggio di poco a fondo campo al 33’. La replica interista è affidata a Milito che manda alto un bel cross di Pandev. L’intensità resta sempre alta, l’Inter è più arrembante, il Napoli invece ragiona maggiormente. L’uomo della provvidenza è Cambiasso. Il cross è di Maicon, l’argentino arriva in corsa di testa mandando la palla alle spalle di De Sanctis. E’ il 36’. Napoli nuovamente sotto e nuovamente costretto a rigettarsi avanti. Proprio allo scadere di tempo Cavani tenta una rovesciata non trovando per poco la sfera. E l’arbitro manda tutti negli spogliatoi. La ripresa vede subito il Napoli pericoloso. Cavani serve Hamsik che non ci arriva per un soffio. Milito, più defilato, trova in Aronica un difensore facilmente saltabile. Al 10’ Thiago Motta fa il bis di testa deviando un angolo battuto da Pandev. Perde tranquillità il Napoli e l’Inter può approfittarne. Mazzarri fa quindi entrare Yebda al posto di Gargano. Il Napoli perde tranquillità e Campagnaro viene ammonito per un fallo su Stankovic. Le palle alte dei partenopei finiscono per essere un benefit per l’Inter. Milito prova di testa a schiacciare la palla che però finisce tra i piedi dei difensori avversari. Mazzarri prova a scuotere i suoi senza avere però le giuste risposte. La manovra ospite appare lenta e prevedibile. La terza rete di fatto ha tagliato le gambe a Cannavaro e soci. Entrano prima Zuniga per Dossena quindi anche Sosa ed esce Pazienza. Nei nerazzurri in campo vanno Mariga per Stankovic, Biabiany per Pandev e Muntari per Thiago Motta. La gara non dice più nulla e la prima di Leonardo termina con un successo meritato. Per contro il Napoli si è di fatto spento subito dopo aver subito la terza rete.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *