Soffre ma vince. L’Inter batte 3 a 2 il Cesena e si avvicina alla vetta.

di Franco Avanzini
L’Inter vince il primo recupero, quello con il Cesena, soffrendo soprattutto nella ripresa. Finisce 3 a 2 dopo che i nerazzurri erano andati avanti di due reti, si erano fatti rimontare in pochi minuti ed avevano trovato il gol del definitivo vantaggio nel recupero del primo tempo. Ranocchia che avrebbe dovuto scendere in campo in questo primo recupero dell’Inter, ha dovuto lasciare il proprio posto a Materazzi mentre in attacco gioca il duo è Eto’o-Milito. Nel Cesena rientra Benalouane ed in attacco con Jimenez  gioca Bogdani e non Budan. La partenza dei padroni di casa è veemente. Il Cesena viene chiuso nella propria metà campo. Il primo affondo pericoloso arriva al 5’ ed è di Pandev che tira ma Antonioli si allunga e para. Il Cesena finalmente esce dall’area di rigore proiettandosi verso la porta di Castellazzi senza però creare grandi patemi d’animo al portiere ex Sampdoria. Al 13’ traversone di Maicon ed Antonioli blocca. Un minuto dopo l’Inter lo buca con Eto’o che scambia con Milito e batte agevolmente Antonioli. Neppure sessanta secondi ed i nerazzurri raddoppiano. Il camerunense lancia Pandev che tocca a centro area per Milito. L’ex genoano non ha difficoltà a battere agevolmente a rete mettendo la sfera alle spalle di Antonioli: 2 a 0 e gara tutta in discesa. Il Cesena prova a scuotersi ma Bogdani colpisce di testa anticipando Lucio e spedendo al sfera sopra la traversa. Sull’altro fronte ci prova Maicon ma, colpendo male la palla, quest’ultima finisce alta. Al 20’ Milito lascia il campo a Biabiany. Per l’argentino un problemino all’adduttore. Tre minuti dopo cross di Ceccarelli, Bogdani, lasciato libero in area, stoppa la palla e batte Castellazzi con un tiro preciso. Il Cesena riapre la gara e poco dopo costruisce un bel contropiede frenato all’ultimo momento dall’intervento positivo di Materazzi. L’Inter si siede e subisce. Ed al 29’ arriva addirittura il pareggio romagnolo con Giaccherini. Il lancio è di Jimenez, il bianconero viene dimenticato dalla difesa locale e, tutto solo, non ha difficoltà a battere ancora Castellazzi. E siamo sul 2 a 2. Lucio tenta di farsi perdonare le amnesie difensive con un colpo di testa al 33’ che finisce però a fondo campo. Materazzi non tiene Jimenez, gli porta via il pallone con la mano e l’arbitro lo ammonisce. Inter e Cesena si affrontano a viso aperto dopo un inizio titubante dei romagnoli. Al 40’ Colucci salva sulla linea di porta un tiro di Chivu che aveva superato Antonioli. L’arbitro decreta un minuto di recupero e l’Inter colpisce. Traversone dalla fascia di Maicon, sacco imperioso di Chic e sfra alle spalle del numero uno ospite. Il primo tempo si chiude con i nerazzurri avanti per 3 a 2. La seconda frazione di gioco si apre con l’ammonizione a Giaccherini per un fallo di simulazione. Chivu prima e Stankovic poi provano ad arrivare alla conclusione senza successo. Eto’o è imprendibile per tutti, Benalouane è in affanno. Al 13’ Biabiany effettua un traversone ma nessun interista riesce ad intervenire sulla sfera. Due minuti dopo Eto’o conclude da fuori area ma la palla finisce a fondo campo. Ficcadenti a questo punto opera una sostituzione facendo uscire Lauro ed entrare Dellafiore. Al 21’ Cambiasso serve Eto’o che spara un tiro molto potente con la palla che finisce per infrangersi contro la traversa. Prova a rispondere che fa mezzo campo palla al piedi e quindi conclude calciando però lontano dalla porta di Castellazzi. Entra anche Caserta nella squadra romagnola al posto di Sammarco. Cesena in inferiorità numerica dal 29’. Giaccherini non si ferma dopo un fischio arbitrale ed insacca. La giacchetta nera lo ammonisce per la seconda volta ed il cartellino diventa rosso. Quindi esce Biabiany ed entra Obi nell’Inter. E subito il nuovo entrato si fa vedere saltando vari avversari e servendo Pandev che però calcia alto. Ficcadenti prova il tutto per tutto inserendo Budan al posto di Jimenez. Proprio Budan prova la conclusione con la palla bloccata da Castellazzi. L’attaccante romagnolo si rende ancora pericoloso con una conclusione sull’esterno della rete. Cesena che ci crede, seppur in dieci, Inter che sembra un po’ stanca e Leonardo si copre inserendo Cordoba al posto di Pandev. Viene ammonito Benalouane per un fallo su Eto’o. La gara in pratica termina qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *