Liga: Barça spettacolo, Real male ma i tre punti arrivano ugualmente

Di Angelo Mattinò

Giornata numero venti della Liga Spagnola, continua il duello a distanza fra le due padrone del calcio iberico, Barcellona e Real Madrid. Gli inseguitori al trono di Spagna, ovvero le merengues di Josè Mourinho ospitano al Bernabeu il Maiorca di Laudrup, il Real Madrid vince la solita partita in stile “Special one”, grande prova di forza e tenacia nonostante una prova sul campo non proprio convincente, decide il match Benzema che al 61′ batte Aouate con un preciso sinistro, proprio il francese che non ha un rapporto idilliaco con il tecnico portoghese salva la sua squadra dalla disfatta del pari. In terra catalana c’è tutt’altra aria, è l’aria di una sqaudra che continuando così viaggia dritto verso il terzo titolo consecutivo, il Barcellona infatti si impone per 3-0 sul Racing Santander con l’autorità e la strapotenza solita, in gol per i blaugrana Pedro, Messi su rigore e Iniesta, sempre a + 4 sul Real. Terzo in classifica il Villareal che al Madrigal si impone per 2-1 sulla Real Sociedad in rimonta, unico protagonista Giuseppe Rossi che firma entrambi i gol. A meno due dal sottomarino giallo c’è il Valencia che in casa batte il Malaga con un pirotecnico 4-3, rete decisiva di Ariz Aduriz allo scadere, per gli andalusi prima rete di Julio Baptista, quella dell’illusorio 3-3. Vittorie convincenti per l’Espanyol quinto in classifica (3-1 in casa del Getafe) e dell’Athletic Bilbao sesto che batte l’Hercules 3-0 al San Mamès. Sconfitta deludente invece per l’Atletico Madrid che cade in casa dello Sportig Gijon con una rete di Barral che decide il match nella ripresa. Dilaga il Siviglia e si riavvicina all’Europa, 4-1 in casa sul Levante ultimo. Successi casalinghi importantissimi in chiave salvezza per l’Almeria che vince 3-2 sull’Osasuna e del Real Saragozza in rirpesa (1-0 sul Deportivo La Coruna).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *