Espulso Van Bommel ma il Milan c’è e supera 2 a 0 il Catania. Simeone ancora ko.

di Franco Avanzini
Il Milan più forte delle avversità. A Catania rimane in dieci (espulso Van Bommel dopo 10 minuti della ripresa) ma trova comunque lo spirito giusto per affossare gli etnei con un portentoso uno-due firmato Robinho ed Ibrahimovic. Fiducia a Sciacca nel centrocampo del Catania mentre per la prima volta Allegri vara I-Ca-Ro ovvero Ibrahimovic, Cassano e Robinho nell’attacco rossonero. Gioca Van Bommel ed a centrocampo Merkel mentre Emanuelson va in panchina. Subito Milan in avanti. Robinho, servito da Ibrahimovic, conclude con un rasoterra diretto all’angolino basso ma Andujcar blocca allungandosi sulla sua sinistra. La replica etnea viene affidata a Capuano che conclude da fuori area vedendo respinta la conclusione. Gara equilibrata. Pablo Ledesma ci prova da fuori area mancando la mira ed al 16’ arriva un preciso colpo di testa di Mario Yepes, a deviare un cross di Cassano, parato dal portiere avversario. Sul fronte opposto non è identica la mira sul colpo di testa di Augustyn con palla fuori dello specchio della porta. Al 20’ arriva il primo giallo dell’incontro. Lo prende Merkel per gioco scorretto. Due minuti dopo ci prova Cassano col destro ma la mira non è precisa e la palla finisce a fondo campo. Seconda ammonizione in casa Milan per Van Bommel autore di un intervento scorretto. Ne arriva una anche tra i rossazzurri al 37’. E’ per Spolli, per gioco duro. La partita non offre grndi occasioni da rete. Le due squadre giocano prevalentemente a centrocampo. Simeone ha impostato una squadra molto tenace per cercare di reprimere sul nascere le offensive rossonere. Sull’altro fronte Cassano si muove bene ma né Ibrahimovic, né tantomeno Robinho, si rendono pericolosi in fase offensiva. Gioco spesso spezzettato e nuovo giallo al 41’ a Yepes per gioco falloso. Tre minuti dopo Cassano impegna a terra Andujcar. Nel primo minuto di recupero si fa male Carboni e Pablo Simeoni è costretto a sostituirlo con Pesce e così dopo centoventi secondi si chiude la prima frazione di gara sullo 0 a 0. La ripresa si apre con l’ingresso di Emanuelson al posto del giovane Merkel. Ed al 2’ ci prova Ibrahimovic con una conclusione che termina fuori. Lo svedese ci riprova poco dopo senza fortuna. Al 10’ poi ennesimo fallo di Van Bommel che l’arbitro sanziona col secondo giallo: per l’olandese è la fine della gara. Seppur con l’uomo in meno, il Milan crea una buona occasione con Ibrahimovic trovando però Andjucar alla parata. Al 13’ rossoneri in vantaggio con Robinho grazie ad un potente tiro rasoterra che termina nell’angolino basso alla sinistra del portiere etneo. Allegri a questo punto si copre inserendo Oddo al posto di Cassano. Al 20’ Gomez tenta il tiro ma la palla finisce a fondo campo. Simeone quindi inserisce Ricchiuti al posto di Augustyn per cercare di pungere in avanti. Tre minuti dopo Ambrosini viene ammonito cui lo segue pure Mascara. Ledesma dalla distanza si vede deviare la conclusione. Il Catania non riesce proprio a pungere. Alla mezzora si fa male Ambrosini ed al suo posto entra Jankulovski. Un minuto dopo di testa Pesce manda la sfera a fondo campo. Ultimo cambio in casa etnea con l’ingresso di Morimoto al posto di Sciacca ad otto minuti dalla conclusione. Al 34’ Ibrahimovic di sinistro impegna Andjucar. Lo svedese buca il portiere per il raddoppio milanista sei minuti dopo con una potente conclusione effettuata dal centro dell’area di rigore a deviazione di un cross di Robinho. Per il Catania arriva così la seconda sconfitta consecutiva concomitante con l’ingresso in squadra del nuovo tecnico argentino Simeone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *