Legrottaglie al Milan, Cerci e la capigliatura sbarazzino: curiosità dalla 3′ di ritorno.

di Franco Avanzini
Legrottaglie: l’atleta di Cristo, autore pure di una pubblicazione, difensore della Juventus, sembrava in procinto di passare al Cesena. Pareva imminente firma ed invece all’ultimo momento la sua destinazione è cambiata…in meglio. Giocherà infatti nel Milan. Allegri avrà quindi a disposizione il difensore richiesto dopo i continui dinieghi da parte di Preziosi, presidente del Genoa, per Criscito.
Cerci: ovvero quando la pettinatura non offre un appiglio ma diventa un problema. Succede durante la gara contro la Lazio che spiova una sfera alta dalle sue parti. L’ex giocatore del Pisa vede la palla all’ultimo solo dopo essersi ‘pettinato’ spostando la folta capigliatura. E quel gesto permette al difensore avversario di liberare, spazzando la fascia.
Icaro: non è colui che tentò il volo di storica memoria ma il nuovo appellativo dato al trio d’attacco del Milan. I sta per Ibrahimovic; Ca per Cassano; Ro per Robinho. Chissà, magari in futuro avremo anche il PaCaRo (Pato, Cassano, Robinho) oppure il PaIRo (Pato, Ibra e Robinho).
Cento: i successi in serie A del Chievo. La squadra di Pioli ma soprattutto la formazione del presidente Campedelli, la squadra di un quartiere di Verona, la squadra dei miracoli: tanti appellativi per i clivensi che domenica dopo domenica fanno capire a tutti che, nonostante i pochi soldi presenti in società rispetto alle altre formazioni, la serie A non è una chimera neppure per formazioni di piccolo cabotaggio.
Rigori: quattro sbagliati in una giornata, se non sono record, quasi ci siamo. Acquafresca e Rudolf a Cagliari, Pastore a Milano e Budan a Lecce  devono andare a lezione di penalty. Una volta il tiro dagli undici metri equivaleva nel 99 per cento dei casi ad una rete. Adesso non è più così ed anzi le possibilità di errore sono notevolmente aumentate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *