Sanchez per rilanciare l’Udinese; Matri ritorno a Cagliari: le sfide della 5′ di ritorno.

di Franco Avanzini
Due squadre bianconere in campo, in due gare diverse, nella giornata del sabato. Una, l’Udinese, frenata mercoledì al Bologna, che vuol riprendere a correre contro la Sampdoria alle ore 18. L’altra, la Juventus, in crisi di gioco e risultati da alcune giornate, che cambiando isola, approderà, dopo la Sicilia, in Sardegna per giocarsela contro il Cagliari alle ore 20.45.
I friulani vogliono tornare a correre e soprattutto sono alla ricerca del gol numero 100 nella massima divisione per il bomber Di Natale. Il rientro di Sanchez al suo fianco sarà un toccasana per una formazione che mercoledì ne ha sentito, e parecchio, l’assenza. I blucerchiati si trovano in mezzo ad un torrente tumultuoso dal quale stanno trovando grandi difficoltà ad uscirne indenni. Di Carlo è quasi ad un bivio e la panchina non è più salda come qualche tempo fa. Biabiany e Maccarone in attacco ci riproveranno ma sostituire Cassano e Pazzini non è affatto impresa facile. Sarà assente lo squalificato Poli sostituito da Tissone.
La Juventus dal canto suo sta navigando a vista tra bordate che le arrivano a destra ed a manca, comprese quelle che le ha lanciato il suo ex giocatore Diego. La società non è tranquilla anche perché i risultati non arrivano. Lo stesso Del Neri è sulla graticola. Matri si ripresenta a Cagliari da ex con la voglia di bucare Agazzi. Esulterà in caso di gol? Mai dire mai. A Torino ci si augura nel ritorno di Toni. A Cagliari invece si punta molto su Robert Acquafresca affiancato da Lazzari per dare l’ennesimo dispiacere alla Vecchia Signora.
Milan, Napoli, Lazio e Palermo scenderanno in campo la domenica pomeriggio. La capolista è di scena a Genova contro un Genoa in fase involutiva. Ibrahimovic (spesso a segno contro i rossoblu) sarà affiancato da Cassano e Robinho con Pato che dovrebbe partire dalla panchina. La gara sarà ricordata però per il ritorno in Gradinata a Marassi dei tifosi rossoneri, nella speranza che tutto si svolga nella massima correttezza. Eduardo, dopo l’ennesima papera di Firenze, è a rischio porta. Tenuto sotto controllo il secondo Scarpi ma anche il giovanissimo Matteo Perin, numero uno dell’Under 21, seppur nettamente sotto età coi suoi 19 anni. Floro Flores alla ricerca della prima rete in maglia genoana come pure l’ex Paloschi. A centrocampo possibile il rientro di Milanetto.
Facile sulla carta la gara per il Napoli dello scatenato Cavani contro il Cesena. Rientrerà Lavezzi a formare il trio con il capocannoniere del campionato e lo slovacco Hamsik. Assente lo squalificato Pazienza, sostituito da Yebda. Partenopei che devono far dimenticare la figuraccia di Verona. Per contro romagnoli quasi vittima sacrificale nella quale squadra Santon dovrebbe partire titolare.
Più dura la partita della lazio all’Olimpico contro il Chievo, reduce da due successi consecutivi Kozak certo in attacco dove potrebbe rientrare Zarate al posto del claudicante Sculli. Veneti pronti all’ennesimo colpaccio con il duo Pellissier-Moscardelli pronto per ogni evenienza.
Salvezza e Champion’s league vanno a braccetto a Lecce. Da una parte i salentini di De Canio, in buona forma e con una difesa ritrovata proveranno a frenare il trio Ilicic-Pastore-Miccoli incamerando punti salvezza. Sull’altro fronte Palermo che vuole proseguire a vincere salvo cercare di rischiare meno in difesa dove, ultimamente, ha ballato un po’ troppo.
La lotta per non retrocedere porta la propria firma sui campi di Bologna, Parma e Brescia. In Emilia si giocherà alle ore 12.30 e l’avversario sarà il Catania. Di Vaio vuol fare gli straordinari ed insegue il gol numero quindici mentre in casa etnea Simeone cerca il primo successo italiano puntando sulla forza di Maxi Lopez e la velocità di Ricchiuti. Salenso la via Emilia si raggiunge Parma dove la Fiorentina, dopo aver trovato la boccata d’ossigeno mercoledì col successo sul Genoa, vuole proseguire nella sua fase di rilancio provando a strappare punti anche al Tardini. Unico assente sarà lo squalificato Candreva che Marino sostituirà con Morrone. Amauri contro Gilardino sarà la sfida tra due grandi attaccanti alla ricerca di un ritorno al gol il primo e di maggior continuità il secondo. In Lombardia invece salirà il fanalino di coda Bari. Iachini ha l’opportunità di incamerare tre punti importantissimi per la permanenza in serie A. Ventura invece si gioca le ultime carte per provare a mantenere nella massima serie i pugliesi. Eder, gol ritrovato e Diamanti, pronto a lanciarlo in velocità, possono risultare le armi vincenti per le Rondinelle. Bentivoglio, Okaka e Rudolf, quindi gli ultimi arrivati, cercheranno invece di trascinare i biancorossi all’impresa.
La chiusura della giornata, 5’ di ritorno, sarà affidata allo stadio Meazza (domenica, ore 20.45) dove la rilanciata Inter affronterà la Roma. Gara da scudetto sino allo scorso anno mentre ora per entrambe c’è l’obiettivo di avvicinare il primato. Pazzini si è inserito alla grande e vuole continuare a stupire, Eto’o sta disputando un campionato alla grande mentre Milito deve ritrovarsi. Assente il pluri squalificato Chivu. Ranocchia in campo in difesa dove potrebbe esordire Nagatomo. Nella Roma possibile la presenza in campo di Vucinic al fianco di Borriello con Totti in panchina. Assente lo squalificato Mexes, al suo posto spazio a Burdisso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *