Cavani è super, doppietta e Roma ko. Crisi giallorossa, Napoli da scudetto.

di Franco Avanzini
Strepitoso, magnifico Napoli. Vince all’Olimpico, 2 a 0. infliggendo la prima sconfitta stagionale casalinga alla Roma con una prestazione davvero magistrale. Per i giallorossi si apre la crisi dopo una gara piuttosto abulica. Ranieri manda in campo una Roma diversa con l’esclusione nell’undici titolare di Totti e Menez. Così il trequartista lo farà Simplicio mentre in attacco la coppia gol è formata da Vucinic e Borriello. Mazzarri non cambia nulla presentando il miglior Napoli del momento col trio delle meraviglie Hamsik, Cavani e Lavezzi in attacco. Gara che comincia con le due squadre che si fronteggiano velocemente a centrocampo cercando soprattutto le rispettive fasce per impensierire la difesa opposta. De Sanctis e Julio Sergio però non vengono chiamati troppo in causa. Si arriva al 15’ quando Fabio Simplicio lancia Vucinic che calcia dinanzi al portiere partenopeo ma il numero uno ospite si dimostra grandioso nel bloccare la conclusione. E’ la prima vera opportunità della partita. Sull’altro fronte Campagnaro crossa teso verso l’area di rigore ma Juan devia all’ultimo istante anticipando Cavani sotto porta. La gara si incattivisce attorno al 21’. Lavezzi e Rosi vengono a contatto, il romanista denuncia al segnalinee di aver subito uno sputo dall’azzurro, interviene Bergonzi ed ammonisce entrambi. Sul taccuino dopo poco finisce pure Dossena (ma il rischio rosso è stato grosso) per una gomitata a Taddei. Il nervosismo sale ed ogni intervento diventa quasi una gara nella gara tra i contendenti. Borriello veien anticipato su un fronte da De Sanctis in uscita mentre sull’altro Julio Sergio è bravo in anticipo su Cavani. Al 27’ bella punizione di Gargano deviata coi pugni dal numero uno locale. Ammonito pure Aronica per un intervento su Vucinic. Cavani ci prova dalla distanza ma la mira non è preciso e la palla si perde a fondo campo. Rosi colpisce la palla con la mano ma l’arbitro lo grazia. Al 43’ Lavezzi lancia Hamsik che tenta il tiro cross con la sfera che sfiora il palo lontano della porta di Julio Sergio. E’ l’ultima azione di un primo tempo nervoso, giocato anche velocemente ma senza grandissime occasioni da rete. Ripresa che parte con una novità nelle fila della Roma. Entra Menez al posto di Taddei. Al 2’ Juan sgambetta in area di rigore Hamsik e per l’arbitro è rigore. Il brasiliano viene anche ammonito. Dal dischetto va Cavani. La palla sbatte sul palo alla destra di Julio Sergio e, correndo lungo la linea di porta, entra, seppur di poco, in fondo al sacco. E’ il vantaggio napoletano, 19esimo gol di Cavani. La Roma si getta in avanti ma deve stare attenta ai contrattacchi azzurri. De Rossi falcia Cavani e viene ammonito quindi sul giallo finisce pure Perrotta. Mazzarri toglie un nervoso Dossena e fa entrare Zuniga. Al 20’ annullata un’autorete di Juan in anticipo su Cavani per un fuorigioco di Hamsik sul c5ross precedente. Decisione perfetta, slovacco leggermente avanti rispetto alla linea dei difensori giallorossi.  Fuori Hamsik nel Napoli e dentro Yebda. Al 29’ Menez di sinistro impegna De Santis che riesce a mandare la palla in angolo. Due minuti dopo Lavezzi completamente solo davanti a Julio Sergio non è lucido al momento della conclusione e si fa anticipare dal portiere in uscita. La palla termina a Cavani che calcia però sopra la traversa. Ranieri gioca il tutto per tutto inserendo Totti e Greco per Simplicio e Vucinic. Campagnaro subisce il giallo per un fallo a centrocampo su Borriello quindi tocca a Cassetti subire l‘ammonizione. Al 37’ Paolo Cannavaro costruisce crossando perfettamente per Cavani che si inserisce tra due difensori ed insacca. E’ il 2 a 0 e l’Olimpico si zittisce completamente tranne che nello spicchio di stadio dove si trovano i circa 5.000 tifosi napoletani. Mazzarri fa uscire Cavani ed entrare Mascara, all’esordio con la maglia del Napoli. Il Napoli tiene palla e la Roma non ne ha più per un finale di gara che regala fischi ai giallorossi e grandi applausi ai partenopei.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *