Hamsik illude e “manda giù” lo stadio, Rossi e Nilmar riportano a galla il sottomarino: Napoli eliminato!

Tanto, ma tanto da recriminare per un Napoli europeo bello come sempre, ma poco cinico, come invece è stato il Sottomarino Giallo. Azzurri che schierano Cribari per Cannavaro, Sosa per Cavani, Yebda per Pazienza ed il neo-acquistato Victor Ruiz. Subito grande chance per il Napoli con un passaggio di Dossena per il Pocho Lavezzi che sbaglia completamente davanti a Diego Lopez. Il vantaggio arriva pochi minuti dopo, su assist dell’argentino: Ruiz e Hamsik eludono il fuorigioco ed è quest’ultimo ad andare in gol. Nell’esultanza i tifosi hanno forzato la ringhiera che li separava dal campo e sono venuti giù a decine. Pochi e non gravi i feriti, ma si spera che le strutture vengano migliorate. Si torna in campo, e il Villareal reagisce con due fucilate da fuori di Borja Valero, il più incisivo degli spagnoli. Pazzesco contropiede si crea con Sosa che serve Lavezzi, a tu per tu con Diego Lopez, ma come accade di solito, il Pocho sbaglia e si fa ipnotizzare dall’estremo difensore ex secondo di Casillas. Ci prova anche Yebda, ma l’algerino trova ancora il portiere a cui sfugge il pallone, ed è costretto con i piedi a mettere in angolo per evitare l’assalto di Lavezzi. E arriva la riscossa iberica: palla persa malamente dal Napoli in difesa, la prende Borja Valero che si gira dal limite dell’area e trova un gran varco per Nilmar che incrocia benissimo e fa uno a uno. Il risultato qualifica ancora il Napoli, ma solo per pochi istanti, poiché un altro contropiede mette in condizione Borja Valero di servire questa volta Giuseppe Rossi, che con una deviazione scavalca De Sanctis e fa impazzire il Madrigal. Primo tempo amarissimo per un Napoli molto positivo. Intervallo. Nella ripresa al 7′ entra il Matador Cavani, sperando non sia troppo tardi. Primo tocco e palla dentro per Lavezzi che si fa deviare il cross in angolo, sul quale ancora Cavani, il cui impatto sul match è stato a dir poco devastante, mette di poco a lato di testa. Monologo Napoli, per gli spagnoli solo dei contropiedi inevitabili lasciati dagli azzurri, il primo è sciupato da Cani che davanti a De Sanctis la mette alta. Assist del Pocho smorzato da un difensore, Cavani incrocia il diagonale e PALO CLAMOROSO! Il Napoli non ci sta e dopo pochi minuti ci prova ancora il numero 7 azzurro con una rovesciata spettacolare di poco alta. Lavezzi da corner, e altro PALO! Il Villareal teme quello che è successo in due occasioni allo Steaua, ma riesce a tenere il risultato. L’ultima occasione capita ancora sui piedi del bomber uruguaiano del Napoli, che prova un’acrobazia pazzesca, ma esce poca potenza. Finisce due a uno, amaro risultato per un Napoli che poteva sprecare di meno per prendersi almeno il pareggio. La squadra di Mazzarri ha tenuto alto l’onore del campionato, che con le batoste delle italiane di Champions sta calando vertiginosamente di prestigio. Ora con la testa al Milan, un’altra finalissima. Villareal che agli ottavi affronterà il Bayer Leverkusen, che nel pomeriggio si è sbarazzato senza difficoltà del Metalist.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *