Italia vicina alla vittoria nel girone dopo il successo in Slovenia. Decide Thiago Motta. Vince pure la Serbia.

di Franco Avanzini

L’Italia vola con Thiago Motta e prosegue la sua marcia in vetta al girone eliminatorio ad Euro 2012. Non una grande partita tra le due squadre, con un legno per parte ed un buon possesso di palla italiano. Cassano e Pazzini tornano assieme dopo gli anni della Sampdoria e sono la coppia d’attacco che Cesare Prandelli presenta in Slovenia. Maggio invece è la novità in difesa. Nella squadra di casa occhi aperti su Birsa, neo genoano mentre il duo del Palermo Ilicic-Bacinovic si siede in panchina. Padroni di casa che partono subito avanti collezionando un calcio d’angolo che però non sortisce alcun effetto. Italia pericolosa al 7’ con una conclusione di Montolivo deviato da Handanovic. Meno pressing da parte degli sloveni che controllano le avanzate italiane direttamente nella loro metà campo. Birsa si mette in evidenza con un calcio d’angolo sul quale interviene a liberare Balzaretti di testa. Il futuro giocatore del Genoa si mette ancora in mostra con una punizione ed un traversone sui quali la difesa azzurra è sicura. Al 18’ Pazzini si avventa su una sfera in area senza però riuscire a stopparla, Cesar si salva seppur con qualche patema d’animo di troppo. Cinque minuti dopo il giocatore dell’Inter spara dalla distanza colpendo il palo esterno della porta slovena. Al 25’ Koren replica con un tiro da fuori area che trova però pronto Buffon alla parata. Montolivo viene atterrato in area con una piccola trattenuta ma l’arbitro fa giustamente proseguire. Buffon si dimostra sempre impeccabile sulle prese alte. La gara prosegue tra fasi alterne, Handanovic si salva prima su Montolivo quindi su Cassano. Sull’altro fronte Novakovic, servito da Birsa, viene anticipato al momento del tiro da Maggio con una perfetta scivolata. Cassano e Pazzini si cercano ancora ma il secondo non riesce ad arrivare sulla sfera. Le due squadre non offrono altro in un primo tempo avaro di occasioni gol e con il solo Pazzini pericoloso dei ventidue uomini in campo. Senza cambi inizia la ripresa e le due squadre abbassano i ritmi. Al 7’ Cassano lancia Mauri che conclude nello specchio della porta ma Handanovic blocca. Un attimo dopo il portiere sloveno salva sulla conclusione di Aquilani evitando un gol pressoché fatto. Primo giallo della gara che colpisce Montolivo per gioco scorretto e poco dopo giunge pure il primo cambio in casa Slovenia: dentro Ljubijankic e fuori Dedic. Ed il neo entrato di casa colpisce subito la traversa di Buffon con un bel tiro. Occasione d’oro per la formazione allenata da Kek. Al 18’ anche l’Italia effettua la prima sostituzione: fuori il laziale Mauri e dentro il palermitano Nocerino con Aquilani che avanzerà la propria posizione in campo, più a ridosso delle due punte. La partita perde un po’ di quota calmandosi notevolmente. La Slovenia effettua una nuova sostituzione facendo entrare Andjelkovic al posto di Brecko. Al 28’ la partita si sblocca. Thiago Motta e Balzaretti effettuano uno scambio perfetto, la sfera giunge all’oriundo dell’Inter che batte con un preciso rasoterra Handanovic. Prima rete azzurra per il giocatore italo-brasiliano. Italia in vantaggio e sempre più lanciata in vetta.  Prandelli quindi inserisce Rossi sostituendo Cassano. Gli azzurri tengono palla non subendo molto gli avversari. Ilicic quindi prende il posto di Birsa. Quindi viene ammonito Cesar per gioco falloso. La Slovenia tenta il tutto per tutto gettandosi all’attacco.  Marchisio va quindi a dare il cambio a Montolivo. Al 44’ Ilicic su punizione, dopo un tocco di Chiellini in barriera, fa venire i brividi a Buffon con la sfera termina a fondo campo di poco. Sono 3 i minuti di recupero nei quali viene ammonito il goleador azzurro Thiago Motta per un fallo. La Slovenia non ha più forza e l’Italia porta a casa un successo che l’avvicina probabilmente quasi definitivamente ad Euro 2012.

Nell’altra gara del girone la Serbia ha battuto l’Irlanda del Nord 2 a 1 salendo al secondo posto, 8 punti, a cinque lunghezze di distanza dall’Italia che è salita a 13. Vantaggio nord irlandese con Mc Auley poi nella ripresa, in nove minuti, i serbi recuperano segnando con Pantelic e Tosic.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *