La Roma vince, l’Udinese protesta. Totti trascina la squadra. Annullata rete a Quadrado al 92′.

di Franco Avanzini

La Roma all’ultimo respiro vince 2 a 1 ad Udine rilanciandosi pienamente per la zona Champions. Molti acciaccati tra le due squadre, l’Udinese di Guidolin manda in campo il duo Di Natale-Denis. Avrebbe dovuto giocare Sanchez che però si ferma durante il riscaldamento. Manca anche lo squalificato Inler. In casa giallorossa Menez è stato lasciato a casa mentre per Borriello c’è ancora solo un posto in panchina. Assente Perrotta, gioca Brighi a centrocampo al fianco di Leandro Rosi. Totti unica punta offensiva nella Roma.  La prima offensiva della gara è di Vucinic che però viene colto in fuorigioco. I locali rispondono con un tiro d’esterno con la palla che finisce lontano dalla porta. Sul primo corner della sfida, Doni esce male, la sfera arriva ad Armero che però calcia malamente. La gara si placa un attimo dopo un inizio veloce. Udinese e Roma cercano di sistemarsi meglio in campo. Denis fa la sponda per Di Natale ma Riise interviene in tempo e l’azione sfuma. Il capocannoniere del campionato prova il tiro di contro balzo con Doni che blocca agevolmente. Al quarto d’ora Armero serve Denis che calcia ma la difesa ribatte in angolo. Dal corner arriva l’ex napoletano che di testa manda alto. Al 22’ primo giallo della sfida che colpisce il romanista Cassetti per un fallo su Di Natale. La gara non è bellissima. Abdi cerca la conclusione dalla distanza ma Doni blocca. Di Natale intanto non è al massimo e chiede il cambio. Guidolin preferisce tenerlo ancora in campo. Per proteste viene ammonito Domizzi. Vicina al gol la Roma al 32’ sul cross di Burdisso, Denis rischia l’autorete ma Handanovic si allunga e con un balzo devia la sfera in angolo. Due minuti dopo viene ammonito Juan per gioco scorretto. Al 41’ Cassetti ci prova ma la mira è alta. Il primo tempo si chiude senza altri squilli e con uno 0 a 0 che rispecchia il poco gioco messo in mostra dalla due squadre. Nessun cambio all’inizio della ripresa e ritmo sempre non elevato. Isla al volo chiama Doni alla parata poi al 12’ Pinzi aggancia Pizarro in area di rigore e per l’arbitro è fallo. Dal dischetto va Totti che con il cucchiaio batte Handanovic che dopo 457 minuti subisce una rete tra le mura amiche. Roma in vantaggio, Udinese costretta ad inseguire. Due minuti dopo angolo di Totti, esce male Handanovic, la palla arriva a Juan che tira a botta sicura ma sulla riga Domizzi libera. Alza il baricentro la squadra di casa. Ammonito Abdi per gioco falloso quindi Montella inserisce Taddei togliendo Rosi. Domizzi di testa manda la palla a fondo campo. Stessa sorte per un tiro di Cassetti sul fronte opposto. Guidolin quindi inserisce Quadrado al posto di Abdi mentre sull’altro fronte fuori Brighi e dentro Perrotta. Infine entrano Corradi al posto di Denis e Borriello per Vucinic. Al 32’ Doni blocca un tiro da fuori di Isla. Due minuti dopo Borriello viene anticipato da Zapata di testa proprio dinanzi alla porta. Guidolin si gioca l’ultima carta a cinque minuti dalla fine. Dentro il giocatore ceco Vidra e fuori Domizzi. Al 42’ Corradi di testa fa sponda per Di Natale che non manca l’appuntamento con il gol. E’ l’1 a 1. Totti protesta e viene sanzionato dall’arbitro, stessa sorte tocca a Corradi. Al 47’ l’Udinese si vede annullare una rete di Quadrado per un fallo di mano precedente di Asamoah. Proprio allo scadere del quarto minuto di recupero Totti trova il guizzo giusto in area di rigore battendo Handanovic. Lacrime per Di Natale e grande gioia per tutti i romanisti presenti al Friuli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *