I sassi sulla Sampdoria, l’inglese Celi, l’americano di Totti. Curiosità, stranezze della nostra serie A.

di Franco Avanzini

Qualche stranezza dal mondo del calcio. Ecco quelle della quattordicesima giornata di ritorno.

Americano: pensate, Totti dovrà imparare l’americano. La Roma infatti è passato in mano al gruppo statunitense capitanato da Di Benedetti. Così la lingua ufficiale della squadra capitolina non sarà più il romano. Immaginate un Grazie Roma, cantato magari dal Boss Bruce Springteen. Magari diventerebbe ‘Thank you, Rome’.

Inzaghi: super Pippo Nazionale ci riprova. Dopo essersi seduto sulla panchina avversaria contro l’Inter ed il risultato fu più che positivo, anche questa volta, contro la Sampdoria, ha deciso, appena entrato in campo, di portarsi laddove si siederanno Cavasin e la sua truppa. Ed infatti i tre punti sono arrivati.

Cinque: le reti segnate dall’Inter nei primi tempi. Davvero un dato statistico incredibile se si pensa che poi, nella ripresa, la squadra milanese ha ottenuto la maggior parte delle reti. Sicuramente dimostra una forma che cresce col passare dei minuti di ogni incontro anche se, negativamente, si vede costretta a rincorrere spesso il risultato.

Celi: il direttore di cara della sezione di Campobasso ha uno speciale record in serie A. Nelle sue 15 gare arbitrate nella massima divisione ha ammonito, mediamente, solamente 4 giocatori. Un numero davvero esiguo di elementi scritto sul suo taccuino. Un modo come un altro per cercare di far giocare di più senza spezzettare troppo le partite. Ed in effetti le sue gare sono sempre molto brillanti e veloci. Bravo così!

Sampdoria: già il momento non è buono, ma se ci si mettono pure i tifosi la situazione può precipitare. Al rientro da Milano alcuni tifosi o pseudo tifosi, sarebbe meglio definirli così, col volto coperto,  hanno atteso la squadra a Genova per bersagliare il pullman con sassi e colpendolo con delle sprangate. Minacciati i cinque elementi della rosa blucerchiata presenti sul torpedone. Davvero una brutta storia per una delle società modello di questa nostra serie A.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *