River Boca, Superclasico ancora nel caos. I Millionarios contro il Bernabeu

Boca Juniors-River Plate

Boca Juniors-River PlateRIVER BOCA, BIANCOROSSI CONTRO IL BERNABEU- Doveva entrare nella storia come la doppia finale più importante, sentita e bella della storia non solo del Superclasico, ma di tutta quella della Libertadores. Ancora si devono giocare i secondi 90′ (o 120′), ed è già entrata negli annali come una della gare più “turbolente” della storia del calcio. Attorno a River Boca non sembra voler calare la pace, ma ogni giorno è un addensarsi di nubi, caos e polemiche che non sembrano destinate a placarsi nel prossimo futuro.
La protesta più recente? Quella del River Plate che si sta opponendo come può alla decisione della Federcalcio sudamericana di giocare il ritorno, previsto al Monumental, al Santiago Bernabeu.

River Boca, tra una settimana il ritorno

I Millionarios, negando la propria responsabilità circa i fatti di sabato scorso, non vogliono vedersi negata la possibilità di giocare il ritorno nel proprio stadio. “l River Plate conferma il suo rifiuto di cambiare sede”. Comincia così la nota ufficiale della società argentina, “la responsabilità della carenza di sicurezza del giorno sabato 24 occorsa fuori dall’anello perimetrale disposto per l’evento – si legge – è stata assunta apertamente dalle alte autorità dello Stato. Ciò equivale a dire che i fatti non sono in alcun modo riconducibili alla responsabilità della società“. Dunque, se la responsabilità non viene data al club (altrimenti la coppa sarebbe dovuta essere assegnata al Boca a tavolino), non ci sarebbe motivo per “emigrare” in un altro emisfero per giocare il ritorno. Questo il pensiero del River.

Il calcio argentino nel suo insieme e l’Associazione calcistica argentina (AFA) non possono e non devono permettere a un gruppo di violenti di ostacolare il disputarsi del Superclásico nel nostro paese” conclude il comunicato del River.

Leggi anche: River Boca, Superclasico di polemiche