Juventus, la rivelazione di Dybala: “Sì, volevano cedermi. Ecco la verità sul rinnovo contrattuale”

TURIN, ITALY - NOVEMBER 10: Paulo Dybala of Juventus celebrates after scoring the winning goal during the Serie A match between Juventus and AC Milan at Allianz Stadium on November 10, 2019 in Turin, Italy. (Photo by Tullio M. Puglia/Getty Images)
(Photo by Tullio M. Puglia/Getty Images)

RINNOVO DYBALA- Intervistato ai microfoni della “CNN“, ha evidenziato alcuni passaggi chiave in merito alla sua possibile cessione della scorsa estate. La Joya ha confermato il suo quasi addio ai bianconeri, prima di un improvviso dietrofront con conferma totale, sia in chiave presente, ma soprattutto in vista del prossimo futuro.

L’attaccante della Juventus ha confermato: “Sì, un anno fa sembrava che la Juve non volesse più contare su di me e mi facesse fuori. Sono stato contattato, c’erano alcuni club interessati perché il club non voleva più tenermi nella propria rosa durante la scorsa estate. Avevo regalato tanti bei momenti alla Juve e non era giusto che finisse in quel modo”.

Leggi anche: Roma, infortunio Zaniolo: il centrocampista dovrà operarsi, i tempi di recupero

Rinnovo Dybala, la Joya svela tutto: “Ancora non c’è niente”

Dybala ha poi fatto il punto sulla possibilità di rinnovo contrattuale con la Juventus: “Al momento non c’è nulla, davvero. Ho ancora un anno e mezzo di contratto; non è tanto e capisco che con tutto quello che è successo non sia facile per il club parlarne, anche se altri giocatori hanno rinnovato. Aspettiamo, ma ovviamente sono felice di essere qui. La gente mi ama molto e io ricambio. Ho un grande affetto per il club e le persone che ci lavorano, ho un buon rapporto con il mio presidente e sicuramente ne parleremo. O forse no, non lo so. A un certo punto potrebbe esserci il rinnovo, ma dipende dalla Juventus”.

Infine un pensiero anche al Barcellona di Messi: “Il Barcellona è un club straordinario e con Messi lo è ancora di più. Sarebbe bello giocarci, ma anche la Juventus è un club incredibile, grandissimo e ricco di storia, con grandi giocatori. Abbiamo talmente tanta qualità da poter formare due squadre. Poi ho la possibilità di giocare con Buffon e Cristiano Ronaldo, che rendono ancor più grande il club”.