Sanremo, svelato il cachet di Zlatan Ibrahimovic

Ibrahimovic cachet Sanremo
Zlatan Ibrahimovic (GettyImages)

Zlatan Ibrahimovic ospite fisso a Sanremo: il suo cachet pari a quello di Fiorello, la Rai assicurerà al milanista un gruzzolo importante

Tuttosport ha rivelato quanto valgono i gettoni di presenza di Zlatan Ibrahimovic al festival di Sanremo. L’attaccante rossonero sarà ospite fisso della kermesse. Lo svedese è stato ingaggiato dalla Rai con un cachet pari a quello di un altro grande volto presente al concorso canoro tradizionale della Liguria.

Zlatan Ibrahimovic non è ancora tornato in campo dopo i due infortuni che lo ha messo kappaò da novembre in poi. L’attaccante svedese del Milan, che sogna gli Europei con la Svezia, non ha ancora deciso sul suo futuro. Probabilmente lo farà più avanti.

I segni del tempo sarà possibile calcolarli soltanto a fine stagione. Se starà bene però ha già lasciato intendere di avere tutta l’intenzione di continuare. Il Milan però lo attende in campo mentre c’è chi, come Amadeus, lo aspetta su un palco. Quello prestigioso dell'”Ariston” di Sanremo.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Ibrahimovic cachet Sanremo
Fiorello e Amadeus (GettyImages)

Sanremo, Ibrahimovic come Fiorello: per il milanista cachet da 50 mila euro a puntata

L’attaccante rossonero sarà ospite fisso della manifestazione canora, appuntamento fisso in Italia da tantissimi anni. Per strappargli il sì e farlo partecipare alle cinque serata (il Milan giocherà il 3 marzo contro l’Udinese pertanto è da verificare in che termini sarà la sua presenza in quella serata), la Rai ha fissato un cachet piuttosto importante.

LEGGI ANCHE >>> Milan beffato, salta il colpo a centrocampo: l’offerta è troppo bassa

Ne ha parlato TuttoSport. Il giornale torinese ha scritto che Ibrahimovic percepirà 50 mila euro a serata, la stessa cifra che incasserà Fiorello.
Questa la decisione dei vertici Rai che un anno fa si assicurarono Georgina Rodriguez, la compagna di Cristiano Ronaldo, per 140 mila euro, poi devoluti in beneficienza all’ospedale pediatrico “Regina Margherita” di Torino.