Milan, l’attacco non incide: pesa un errore della società

Stefano Pioli
Stefano Pioli (Getty Images)

La sconfitta nel derby inguaia i rossoneri nella lotta scudetto, ora a -4 dall’Inter. Attacco in difficoltà e punto interrogativo sull’acquisto di Mandzukic

Brutta sconfitta nel derby, e Milan totalmente al tappeto anche dal punto di vista del morale. Rossoneri a -4 dall’Inter in classifica e discorso scudetto in salita. Pesa come un macigno il momento poco brillante dell’attacco rossonero, poco reattivo e solido. Un derby anonimo anche da parte di Ibrahimovic, il quale ha accusato anche un problema al polpaccio nel corso del secondo tempo. L’ariete svedese potrebbe recuperare nei prossimi giorni e ritornare a disposizione già in vista della sfida di campionato contro la Roma.

Tuttavia la sensazione è che Ibrahimovic non sia al top della forma. Servirà il miglior Ibra per risalire la china, riacquistare morale e puntare in maniera concreta al sogno scudetto. Classifica più complicata, ma ancora viva. Campionato lungo e pronto a regalare altre sorprese fino all’ultima giornata. Indice puntato anche su alcune scelte societarie, in particolare modo sulla decisione di acquistare Mandzukic nel mercato di gennaio. L’attaccante croato, fermo ai box per un infortunio, sembrerebbe esser lontano dalla migliore condizione fisica e un lontano parente del centravanti ammirato nelle scorse stagioni con la maglia della Juventus.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Mandzukic in azione con la maglia del Milan
Mario Mandzukic (Getty Images)

Milan, era necessario l’acquisto di Mandzukic: sorgono i primi punti interrogativi

Come accennato, la sensazione è che il Milan non avesse particolare bisogno di Mandzukic, soprattutto dopo il totale recupero di Rebic e l’esplosione definitiva di Leao. L’acquisto dell’ex Juventus e Bayern Monaco sembrerebbe aver complicato leggermente le gerarchie offensive del Milan senza alcun tipo di beneficio. I rossoneri aspetteranno Mandzukic e il suo recupero per cercare di sovvertire le prime sensazione negative e per valutare anche il futuro del croato in vista della prossima stagione.

LEGGI ANCHE>>> Serie A, la cronaca di Milan-Inter 0-3

Mosse e strategie in vista del futuro, ma ora sarà necessario invertire la rotta in chiave presente. 4 punti di ritardo rispetto all’Inter per cercare di rianimare le speranze scudetto. Nulla è perduto, ma è chiaro che servirà una seconda parte di stagione agguerrita e ricca di intraprendenza e personalità.