La chiamata che Pirlo avrebbe evitato volentieri

pirlo indica
Andrea Pirlo (Getty Images)

Contro il Verona di Juric, Pirlo dovrà fare i conti con una serie di assenze che l’hanno costretto a una scelta insolita

Piena emergenza per la Juventus in vista della partita contro il Verona. Una brutta notizia anche pensando all’importante match contro il Porto, ritorno degli ottavi di finale di Champions League. I bianconeri ci arriveranno con tantissimi giocatori infortunati. Un pensiero alla volta. Il primo è rivolto alla trasferta del Bentegodi contro una squadra che, in passato, ha saputo come mettere in difficoltà la Juve.

Pirlo ha dovuto fare i conti con diverse defezioni. Tanti gli assenti. Mancheranno gli infortunati Cuadrado, Bonucci, Chiellini, Arthur e Dybala, Morata e Danilo. Lo spagnolo è alle prese col fastidioso virus contro cui combatte ormai da settimane. Il terzino, invece, è squalificato. Mancato diversi calciatori importanti che vanno ad abbracciare tutti i reparti. Per questo motivo, Pirlo è stato costretto a chiamare mezza Under 23.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Dybala esulta
Paulo Dybala (GettyImages)

L’allenatore della Juve sarà chiamato a scelte insolite e alternative inedite, anche di modulo, magari per sopperire ai tanti forfait cercando comunque di ottenere una vittoria che vorrebbe dire tanto per morale e classifica. Contro il Verona, leggendo l’elenco dei convocati, ci saranno pochissimi giocatori della prima squadra, praticamente una sola formazione, appena undici su cui contare. Nel dettaglio, si tratta di Demiral, De Ligt, Alex Sandro, Bentancur, Rabiot, McKennie, Chiesa, Bernardeschi, Kulusevski e Cristiano Ronaldo.

LEGGI ANCHE >>> Lautaro, addio al Barcellona: l’argentino annuncia il rinnovo con l’Inter

A loro si aggiungono, oltre ai portieri, anche diversi calciatori dell’Under 23, formazione dalla quale spesso, quest’anno, Pirlo è stato costretto ad attingere: Frabotta, Di Pardo, Dragusin, Capellini, Fagioli, Peeters, Aké, Rafia e Marques. La sua speranza è che le tante assenze non incidano sul rendimento della squadra e, ovviamente, sul risultato finale. La Juve ha assoluta necessità di vincere per continuare ad inseguire l’Inter.